• Sunday August 9,2020

Biomolculas

Ti spieghiamo cosa sono le biomolecole e come sono biomolecole organiche e inorganiche. Quali sono le sue funzioni e importanza.

I lipidi hanno un lato idrofobo, cioè respinge l'acqua.
  1. Cosa sono le biomolecole?

Le biomolecole o le molecole biologiche sono tutte quelle sostanze caratteristiche degli esseri viventi, sia come prodotto delle loro funzioni biologiche sia come componente dei loro corpi, in una vasta e varia gamma di dimensioni os, forme e funzioni. Le sei serie principali di biomolecole sono carboidrati, proteine, lipidi, aminoacidi, vitamine e acidi nucleici.

Il corpo degli esseri viventi è costituito principalmente da complesse combinazioni di sei elementi primari, che sono carbonio (C), idrogeno (H), ossigeno (O), azoto (N), fosforo (P) e zolfo (S). Questo perché questi elementi consentono:

  • la formazione di legami covalenti altamente stabili (condivisione di elettroni), singoli, doppi o tripli;
  • la formazione di scheletri di carbonio tridimensionali;
  • la costruzione di più gruppi funzionali con caratteristiche estremamente diverse e particolari.

Per questo motivo, le biomolecole sono generalmente costituite da questi tipi di elementi chimici . Tutti condividono, inoltre, una relazione fondamentale tra struttura e funzioni, che coinvolge anche l'ambiente in cui si svolge la biomolecola: ad esempio, i lipidi hanno un lato idrofobo, cioè che respinge l'acqua, quindi di solito sono organizzati in presenza di esso in modo tale che le estremità idrofile (attratte dall'acqua) siano in contatto con l'ambiente e gli idrofobi rimangano al loro riparo. Questi tipi di funzioni sono fondamentali per la comprensione del funzionamento biochimico degli organismi viventi.

A seconda della loro natura chimica, le biomolecole possono essere classificate come organiche e inorganiche, come si vedrà di seguito.

Vedi anche: Biochimica.

  1. Biomolecole inorganiche

Le biomolecole inorganiche non sono a base di carbonio.

Esistono biomolecole comuni agli esseri viventi e ai corpi inerti, ma sono comunque indispensabili per l'esistenza della vita. Questi tipi di molecole non si basano sul carbonio, come nel caso della chimica organica, ma possono presentare vari tipi di elementi, attratti l'uno dall'altro dalle loro proprietà elettromagnetiche.

Alcuni esempi di biomolecole inorganiche sono l'acqua, alcuni gas monoatomici come ossigeno (O2) o idrogeno (H2) o sali inorganici come anioni e cationi.

  1. Biomolecole Organiche

Le biomolecole organiche sono il prodotto delle reazioni chimiche del corpo.

D'altra parte, ci sono biomolecole organiche, cioè basate sulla chimica del carbonio e che sono il prodotto delle reazioni chimiche del corpo o del metabolismo degli esseri viventi. La loro costituzione atomica è simile alla loro, sebbene possano anche presentare elementi insoliti, come i metalli di transizione: ferro (Fe), cobalto (Co) onquel ( Né), chiamare quindi elementi in traccia ed essere indispensabili, sebbene in quantità moderate, per la vita.

Qualsiasi proteina, aminoacido, lipidi, carboidrati, acido nucleico o vitamina è un buon esempio di questo tipo di biomolecole.

  1. Funzioni di biomolecole

L'ereditarietà negli esseri viventi è possibile grazie all'esistenza del DNA.

Le biomolecole possono avere molte funzioni diverse, come ad esempio:

  • Funzioni strutturali. Proteine ​​e lipidi servono per sostenere le cellule, dare struttura al corpo e consentire la generazione di membrane, tessuti, ecc.
  • Funzioni di trasporto Altre biomolecole servono a mobilizzare nutrienti e altre sostanze in tutto il corpo, dentro e fuori le cellule, unendole attraverso specifici legami che possono quindi essere rotti.
  • Funzioni di catalisi. Alcune proteine ​​specializzate formano enzimi, sostanze che accelerano, rallentano, innescano o inibiscono determinate funzioni corporee, mantenendo l'organismo sotto controllo. In tal senso, le proteine ​​e alcuni lipidi funzionano come messaggeri chimici del corpo.
  • Funzioni energetiche L'energia biochimica proviene da alcune reazioni che avvengono all'interno del corpo degli esseri viventi, sia autotroficamente (composizione di carboidrati di materia inorganica) o eterotrofi (ottenimento di carboidrati di sostanza organica consumata), attraverso un metabolismo dell'ossidazione del glucosio che rompe i suoi legami e libera l'energia in essi contenuta. In tal senso, i lipidi possono anche servire come riserva di energia del corpo.
  • Funzioni genetiche. L'ereditarietà negli esseri viventi è possibile grazie all'esistenza di DNA e RNA, catene di acidi nucleici che contengono le informazioni genetiche degli esseri viventi, attraverso una sequenza complessa e unica di nucleotidi che determinano l'esatta sequenza di aminoacidi che compongono, come set di istruzioni, la composizione delle proteine ​​del corpo.
  1. Importanza delle biomolecole

Le biomolecole sono importanti non solo perché svolgono funzioni vitali di supporto, regolazione e trasporto del corpo degli esseri viventi, ma perché integrano i loro corpi stessi, cioè i nostri corpi ne sono fatti. Le biomolecole si integrano per formare successivamente composti più grandi, per formare le cellule e i vari tessuti del corpo. Senza di loro, semplicemente non potremmo esistere.

  1. Bioelementi e biomolecole

Gli elementi chimici da cui sono composte le biomolecole sono chiamati bioelementi e che abbiamo dettagliato all'inizio: carbonio (C), ossigeno (O), idrogeno (H), azoto (N), zolfo (S) e fosforo (P). Con solo questi sei elementi, è composto il 99% della materia vivente di tutti gli esseri viventi conosciuti. Sono anche noti come bioelementi primari: i mattoni fondamentali della costruzione della vita.

D'altra parte, i bioelementi secondari sono quelli che, sebbene indispensabili per la vita e per il corretto funzionamento del corpo, sono richiesti in quantità moderate e per scopi specifici, come sodio (Na), calcio (Ca), magnesio (Mg ) e potassio (K).

E infine ci sono gli oligoelementi, che come suggerisce il nome sono necessari ma in quantità molto basse (0, 1% dei bioelementi del corpo), come ferro (Fe) e iodio (I).


Articoli Interessanti

commensalismo

commensalismo

Spieghiamo cos'è il commensalismo e le sue differenze con il mutualismo. Inoltre, esempi e come si sviluppa nel deserto. Foresis si verifica quando il commensale usa un'altra specie per trasportare se stesso. Che cos'è il commensalismo? Il commensalismo è noto come un tipo specifico di interazione biologica interspecifica, cioè di interazione tra individui di diverse specie, caratterizzata dal beneficio di uno solo di quelli coinvolti , senza che l'altra parte riceva alcun tipo di danno o danno. Il

Ocano

Ocano

Ti spieghiamo cos'è l'oceano e quali sono le differenze tra mare e oceano. Inoltre, qual è l'oceano più grande del mondo. Gli oceani occupano i tre quarti del pianeta Terra. Cos'è l'oceano? Quando parliamo di ` ` raccontaci '', intendiamo un'enorme estensione di acqua salata che separa altri due continenti . Si

di riserva

di riserva

Spieghiamo cos'è un backup e a cosa serve fare un backup. Inoltre, i passaggi che devono essere seguiti per eseguire i backup. Un backup è una copia dei dati originali di un sistema informativo. Che cos'è un backup? In informatica, è compreso da un backup (dall'inglese: backup , backup , backup , rinforzo), backup, copia di sicurezza, copia di una copia dei dati originali di un sistema informativo o di una serie di software (file, documenti, ecc. .)

legge

legge

Vi spieghiamo qual è la legge e qual è lo scopo delle norme legali. Inoltre, tipi di leggi e quali sono le loro caratteristiche. Le leggi sono un modo per controllare il comportamento degli esseri umani. Cos'è la legge? Il concetto di legge deriva dal lex latino e nell'ambito giuridico può essere definito come quelle norme generali di carattere obbligatorio che sono state dettate dal potere corrispondente con l'obiettivo di regolare i comportamenti umana. Un

proporzione

proporzione

Vi spieghiamo che cos'è una proporzione e alcuni esempi di questa relazione di uguaglianza. Inoltre, i tipi di proporzionalità esistenti. Una proporzione è una relazione di uguaglianza tra due ragioni. Qual è una proporzione? In matematica, la relazione di uguaglianza che esiste tra due ragioni , cioè tra due confronti tra due quantità determinate, è nota come proporzione . Cioè:

densità

densità

Spieghiamo cos'è la densità e alcune caratteristiche di questa proprietà. Inoltre, esistono altri tipi di densità. I gas hanno una densità inferiore rispetto ai liquidi e questi sono inferiori ai solidi. Cos'è la densità? Il termine densità deriva dal campo della fisica e della chimica, in cui si riferisce specificamente alla relazione tra la massa di una sostanza (o un corpo) e il suo volume È quindi una proprietà intrinseca, poiché non dipende dalla quantità di sostanza considerata. La densità