• Sunday January 16,2022

Strati di terra

Spieghiamo quali sono gli strati della Terra e le caratteristiche di ciascuno. Inoltre, le discontinuità di Mohorovicic e Gutenberg.

Gli strati della terra sono la crosta, il mantello e il nucleo.
  1. Quali sono gli strati della Terra?

Il pianeta Terra è un pianeta sferoide di 12.742 chilometri di diametro equatoriale, con un leggero appiattimento ai poli. L'umanità, insieme ad altre forme di vita, abita la sua superficie (la biosfera). Ma all'interno, il pianeta è costituito da un insieme di strati concentrici di diversa composizione e dinamica.

L'insieme di questi strati costituisce la geosfera . Come con altri pianeti rocciosi, gli strati della Terra diventano più densi mentre ci spostiamo verso il suo centro, dove si trova il nucleo planetario. D'altra parte, più andiamo in profondità, più calore ci sarà e più ci avvicineremo al passato geologico, cioè alle tracce della stessa formazione del pianeta.

Gli strati della Terra, quindi, sono tre: crosta, mantello e nucleo, ciascuno dei quali comprende vari strati intermedi e presenta alcune caratteristiche, che vedremo di seguito separatamente.

Vedi anche: strati di terreno

  1. Crosta terrestre

Nella crosta terrestre vivono tutti gli esseri viventi.

È lo strato più superficiale del pianeta, su cui viviamo esseri viventi, anche quelli che abitano le profondità del suolo.

Il buco più profondo che noi umani abbiamo scavato, chiamato Kola Super Deep Well (ex Unione Sovietica) ha una profondità di 12.262 metri ed è nel raggio della crosta terrestre. Si estende dalla superficie stessa (0 km) a 35 chilometri di profondità .

Tutti i continenti fanno parte della crosta continentale. La sua composizione è prevalentemente di rocce feliche (sodio, potassio e silicati di alluminio) con una densità media di 2, 7 g / cm 3 .

Altro in: Land Crust

  1. Discontinuità Mohorovicic

A una profondità media di 35 chilometri (70 nei continenti e 10 negli oceani) si trova la cosiddetta Discontinuità Mohorovicic o "Muffa", una zona di transizione tra la crosta terrestre e il mantello . Serve come una transizione tra la crosta meno densa e le rocce più dense di silicato di ferro e magnesio che avviano il mantello.

  1. litosfera

La litosfera è formata da placche tettoniche.

La litosfera è un altro nome che riceve lo strato superiore della Terra, tra 0 e 100 chilometri di profondità, cioè copre l'intera crosta terrestre e i primi chilometri del mantello superiore o dell'astenosfera.

Il suo nome significa letteralmente "sfera di pietra". È frammentato in una serie di placche tettoniche su cui poggia la crosta, sui cui bordi si verificano gli incidenti geologici noti come faglie o magmatismo, che danno origine a montagne e depressioni (orogenesi).

La litosfera può essere continentale o oceanica, a seconda del tipo di crosta sopra di essa, essendo più spessa nel primo caso e più sottile nel secondo.

  1. astenosfera

Al di sotto della litosfera, profonda tra 100 e 400 chilometri, si trova la parte superiore del mantello nota come asenosfera. È composto da materiali silicati di elevata duttilità, allo stato solido o semi-fuso per pressione e alte temperature.

Questo strato consente il movimento su di esso degli strati tettonici, permettendo così la deriva continentale. Mentre ci avviciniamo al suo bordo inferiore, tuttavia, l'astenosfera perde le sue proprietà e acquisisce rapidamente rigidità.

  1. Il mantello terrestre

Lo strato che segue la crosta, a rigor di termini, è il mantello terrestre, che è anche lo strato più largo del pianeta, coprendo l'84% della Terra . Si estende da 35 chilometri di profondità a 2890, dove inizia il nucleo terrestre.

Diventa progressivamente più caldo man mano che ci si sposta verso il nucleo. Oscilla tra temperature da 600 ° C a 3500 ° C tra la sua striscia superiore e la vicinanza del nucleo.

Il mantello contiene rocce in uno stato di pasta viscosa, a causa delle alte temperature e dell'enorme pressione, anche se contrariamente a quanto si potrebbe pensare, mentre ci si sposta verso il nucleo le rocce tendono ad essere più 'Ss ss idas, a causa delle pressioni gigantesche che li costringono ad occupare il minimo spazio possibile.

Il comando è suddiviso in due aree:

  • Mantello superiore Da M Moho a 665 chilometri di profondità, dove predominano le rocce peridototiche e ultrabasiche, per lo più composte da magnesio olivina e pirossene (80% e 20% rispettivamente).
  • Mantello inferiore Estendendosi da 665 chilometri in profondità alla cosiddetta discontinuità di Gutemberg a circa 2900 chilometri di profondità, si tratta di un'area molto solida e a bassa plasticità, di densità molto più elevata, nonostante le sue temperature tra 1000 e 3000 C. Si pensa che potrebbe ospitare più ferro rispetto agli strati superiori, data la sua vicinanza al nucleo.
  1. La discontinuità di Gutenberg

Nella discontinuità di Gutenberg nasce il magnete che crea l'aurora boreale.

Tra il mantello terrestre e il nucleo del pianeta c'è un'altra discontinuità, situata a quasi tremila chilometri di profondità. Il suo nome rende omaggio al suo scopritore, il geologo tedesco Beno Gutenberg, che è nato nel 1914.

È la regione in cui nascono le onde elettromagnetiche che generano la magnetosfera terrestre, grazie allo sfregamento del nucleo esterno, composto da metalli ferromagnetici e dal mantello.

  1. Il nucleo terrestre

La zona più interna di tutti gli strati terrestri è il nucleo. È profondo quasi 3000 chilometri e si estende fino al centro del pianeta.

È la regione più densa del pianeta, il che è praticamente da dire, poiché la Terra è il pianeta più denso del Sistema Solare (5515 kg / m 3 in media). Ciò significa che la pressione nel nucleo è milioni di volte quella della superficie e che le sue temperature raggiungono i 6700 ° C.

Il nucleo è composto da due parti distinte:

  • Il nucleo esterno, che raggiunge i 3400 km di profondità ed è di natura semi-solida, probabilmente composto da una miscela di ferro, nichel e tracce di altri elementi come ossigeno e zolfo.
  • Il nucleo interno, che è una sfera solida con un raggio di 1220 km, è composto principalmente da ferro, sebbene con una presenza minore di nichel e altri elementi pesanti, come mercurio, oro, cesio e titanio. È possibile che il nucleo interno ruoti più velocemente del resto degli strati e che il suo raffreddamento graduale generi parte dell'enorme quantità di calore interno del pianeta.

Continua con: Rotazione della Terra


Articoli Interessanti

intuizione

intuizione

Spieghiamo cos'è l'intuizione e come sapere cosa non è intuizione. Inoltre, la sua definizione secondo la scienza e diversi significati. L'intuizione non ha bisogno di ragionamenti logici. Che cos'è l'intuizione? Il sentimento è la capacità di capire le cose all'istante , è anche usato come sinonimo di sentimento, cioè per avere la sensazione che qualcosa accadrà o sarà In un certo modo. Ad esem

sport

sport

Spieghiamo cos'è lo sport e quali sono i suoi benefici. Breve rassegna storica. I giochi olimpici e la professionalizzazione di questo sport. L'origine degli sport classici risale a ca. all'anno 4000 a. C. Che cos'è lo sport? Lo sport è un'attività fisica svolta da una o un gruppo di persone seguendo una serie di regole e all'interno di uno spazio fisico specifico. Lo

Fonti d'informazione

Fonti d'informazione

Vi spieghiamo quali sono le fonti di informazione in un'indagine e come sono classificate. Inoltre, come identificare fonti affidabili. Allo stato attuale, le fonti di informazione possono essere fisiche o digitali. Quali sono le fonti di informazione? In un'indagine, parliamo di fonti di informazioni o fonti documentarie per fare riferimento all'origine di determinate informazioni, ovvero il supporto in cui troviamo informazioni e per le quali possiamo fare riferimento a terze parti che, a sua volta, lo recuperano da soli

Modalità di produzione asiatica

Modalità di produzione asiatica

Vi spieghiamo quale sia la modalità di produzione asiatica secondo il marxismo e il dibattito sollevato su questo concetto. Nella modalità di produzione asiatica il controllo dell'acqua è fondamentale per l'economia. Qual è la modalità di produzione asiatica? Il modo di produzione asiatico, secondo i postulati del marxismo, è un tentativo di applicare il concetto di modi di produzione con cui Karl Marx ha studiato e analizzato la storia economica dall'ovest, alle società non occidentali che hanno avuto sviluppi rivoluzionari diversi. È un

Boom dell'America Latina

Boom dell'America Latina

Spieghiamo quale sia il boom latinoamericano in letteratura, le sue caratteristiche e i temi ricorrenti. Inoltre, gli autori più importanti. Autori come Miguel Asturias hanno cambiato i paradigmi della letteratura latinoamericana. Qual è stato il boom latinoamericano? Il termine Boom latinoamericano significa fenomeno letterario ed editoriale che ebbe luogo tra gli anni '60 e '70 , quando le opere letterarie di un gruppo di giovani scrittori latinoamericani furono ampiamente distribuite e apprezzato in Europa e in gran parte del mondo.

ptica

ptica

Ti spieghiamo cos'è l'ottica, la sua storia, l'impatto su altre scienze e come differiscono l'ottica fisica, geometrica e moderna. L'ottica studia le proprietà della luce e come possono essere utilizzate. Cos'è l'ottica? L'ottica è una branca della fisica dedicata allo studio della luce visibile : le sue proprietà e il suo comportamento. Ana