• Wednesday October 27,2021

Comunicazione non verbale

Spieghiamo cos'è la comunicazione non verbale, quali sono le sue caratteristiche ed elementi. Inoltre, come è classificato ed esempi.

La comunicazione non verbale di solito accompagna l'uso del linguaggio verbale per chiarirlo.
  1. Cos'è la comunicazione non verbale?

Quando parliamo di comunicazione non verbale intendiamo tutte quelle forme di comunicazione che non usano la lingua come veicolo e sistema per esprimersi . Cioè, tutti quei modi di trasmettere un messaggio che non richiedono parole o linguaggio verbale.

Non dobbiamo confondere la comunicazione non verbale con la comunicazione non orale, cioè quella che non passa attraverso la voce parlata. Si può scrivere su carta o usare la lingua dei segni (come la lingua dei non udenti) e usare la lingua ma attraverso media o sistemi di rappresentazione diversi.

La comunicazione non verbale ha a che fare con gesti, suoni, movimenti e altri elementi paralinguistici, cioè che di solito accompagnano l'uso del linguaggio verbale per chiarirlo e canalizzarlo. Tanto che è possibile non trasmettere verbalmente un messaggio contrario a quanto espresso dalle parole.

Gli animali esercitano anche un certo tipo di comunicazione non verbale . Solo l'essere umano è capace, invece, di un linguaggio verbale.

Vedi anche: Comunicazione assertiva.

  1. Caratteristiche della comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale non ha un codice comune comune da intermediare.

La comunicazione non verbale non segue le stesse regole di base del verbale, quindi non ha una sintassi (un ordine specifico di apparizione dei segni) ma è articolata in base al contesto e alle circostanze . Vi è un certo margine di convenzionalità in alcuni casi, come nei movimenti della testa per indicare un "sì" o un "no", ma anche quei gesti non sono universali e in alcune culture vengono interpretati al contrario.

D'altra parte, si tratta di una forma di comunicazione non discrezionale, che dipende dalla capacità del mittente e del destinatario di acquisire e interpretare il messaggio in modo appropriato, poiché non esiste un codice comune o universale che metta in comunicazione. In questo tipo di comunicazione, gli aspetti non logici della nostra mente, come l'emozionalità e l'empatia, hanno un predominio maggiore.

  1. Elementi di comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale è conforme al circuito di comunicazione di qualsiasi tipo: ha un mittente, un destinatario, un messaggio, un canale e un certo codice (poiché non esiste un linguaggio convenzionale a cui rivolgersi). Ciò significa che i messaggi vengono inviati attraverso altri sensi e utilizzando altre parti del corpo, come ad esempio:

  • Emittente. Usa le sopracciglia, il sorriso, la bocca (per fare i volti), gli occhi e la direzione in cui guarda, la postura del suo corpo, la sua fronte, la sua distanza dall'altra, quando non la sua voce (ritmo e tono, niente di più) o I tuoi gesti manuali.
  • Ricevitore. Chiunque riceva il messaggio usa principalmente la vista e l'orecchio, sebbene non riceva parole, ma toni e sequenze.

In tal senso, la comunicazione non verbale è molto più versatile di quella parlata, poiché ha un insieme più libero di significati e segni da elaborare e può persino incorporare elementi contestuali: indicare un oggetto o una direzione, prendere un oggetto o eseguire un mimetismo o imitazione di un'azione che si desidera trasmettere.

Ti può servire: elementi di comunicazione.

  1. Tipi di linguaggio non verbale

Il linguaggio aptico si riferisce al contatto fisico che stabiliamo con il quale comunichiamo.

Quando parliamo di linguaggio non verbale, intendiamo:

  • Gestualidad. Movimenti delle mani, tutti gli arti o gli spostamenti della testa, che possono essere più o meno complessi e più o meno specifici, secondo l'intenzione. Li usiamo spesso insieme al linguaggio come forma di accompagnamento per ottenere una maggiore precisione.
  • Espressioni facciali. Esiste un certo condizionamento congenito nell'uomo che ci consente di riconoscere le espressioni facciali fin dalla più tenera età: un sorriso, un cipiglio, una faccia rabbiosa. Un'intera gamma di emozioni è espressa più o meno istintivamente nel nostro volto.
  • Postura del corpo A seconda di come posizioniamo il corpo, possiamo anche trasmettere emozioni, sensazioni o ispirare l'altro certo sentimento. Ciò ha anche reminiscenze evolutive, che associano dimensione o forza, sottomissione alla deiezione, ecc. Molti animali comunicano in questo modo.
  • Aspetto fisico. Il complesso codice di mode, abbigliamento, accessori, tagli di capelli e un intero aspetto comunicativo (che in molti casi può essere inconscio) costituisce anche un linguaggio non verbale.
  • Paralanguage. Qui sono classificati i suoni non linguistici: non parole o espressioni della lingua ma suoni che si riferiscono a sensazioni o informazioni in modo non verbale a causa del loro tono, velocità o volume o all'associazione emotivo che è fatto con certi suoni. Il pianto di un bambino, per esempio, entra in questi tipi di atti comunicativi.
  • Hptica. Si riferisce al contatto fisico che stabiliamo con chi comunichiamo, sia per rafforzare un messaggio verbale o per comunicare qualcosa senza doverlo dire. Il contatto è un messaggio forte e non in tutte le culture è ben visto o permesso.
  • Proxmica. Si riferisce alla gestione dello spazio tra mittente e destinatario, attraverso cui si possono suggerire intimità, aggressività, passione e altre informazioni.
  1. Comunicazione non verbale kinesica

Cinetico o cinetico è un altro nome per la comunicazione verbale attraverso il linguaggio del corpo, cioè attraverso movimenti degli arti e del busto che hanno un significato espressivo, appellativo o comunicativo e che possono andare insieme al linguaggio verbale o nella sua sostituzione. In tal senso, appartiene ai parallelismi: le forme di comunicazione non verbale disponibili per l'essere umano, che sono codificate più o meno nella cultura, senza perdere un certo senso istintivo.

  1. Esempi di comunicazione non verbale

Il contatto visivo fa parte della comunicazione non verbale.

Alcuni esempi di comunicazione non verbale possono essere:

  • Un turista viaggia in Cina e decide di acquistare cibo da strada. Poiché non parla la lingua, indica al venditore il prodotto che desidera e gli insegna due dita estese (l'indice e l'anulare). Il venditore comprende quanti ne vuole acquistare.
  • I giocatori di una squadra di calcio vincono una partita e, alla fine, alzano le braccia e gridano all'unisono. Esprimono così la gioia reciproca, senza dover mediare.
  • Una donna cerca di sedurre un uomo in un bar e per questo promuove il contatto visivo, sorride molto e fa gesti che lo invitano a guardarla. Tutto ciò fa parte di una comunicazione non verbale il cui scopo è favorire il romanticismo.

Vedi anche: Comunicazione visiva.


Articoli Interessanti

memoria

memoria

Spieghiamo cos'è la memoria e i tipi di memoria relativi al tempo. Inoltre, cos'è la memoria sensoriale e la sua importanza. La memoria ci consente di riconoscere e conservare sentimenti, idee e immagini, tra gli altri. Cos'è la memoria? Il termine memoria deriva dalla memoria latina ed è inteso come la capacità o la capacità di conservare e ricordare le informazioni del passato . Esse

Calendario Giuliano

Calendario Giuliano

Vi spieghiamo cos'è il calendario giuliano e a chi è dovuto il suo nome. Inoltre, come è stato composto e le cause della sua sostituzione. Il calendario giuliano fu introdotto da Julio Cesare nell'anno 46 a.C. Qual è il calendario giuliano? Il modello di calendario introdotto dal leader militare e politico romano Julio Cesare nell'anno 46 a.C.

risparmio

risparmio

Spieghiamo cosa sono i risparmi e quali tipi di risparmi esistono. Inoltre, perché è importante e quali sono le sue differenze con l'investimento. Si riferisce alla percentuale di reddito o reddito non destinata al consumo. Cosa sta salvando? Ha salvato la pratica di separare una parte del reddito mensile di una famiglia, un'organizzazione o un individuo , al fine di accumularlo nel tempo e quindi allocarlo ad altri.

Geometria analogica

Geometria analogica

Ti spieghiamo qual è la geometria analitica, la sua storia, le caratteristiche e le formule più importanti. Inoltre, le sue varie applicazioni. La geometria analitica consente di rappresentare graficamente equazioni matematiche. Qual è la geometria analitica? La geometria analitica è una branca della matematica dedicata allo studio approfondito delle figure geometriche e dei loro rispettivi dati, quali aree, distanze, volumi, punti di intersezione, angoli di inclinazione, ecc. Pe

Trattamento delle acque reflue

Trattamento delle acque reflue

Spieghiamo qual è il trattamento delle acque reflue, le sue fasi e gli impianti che la eseguono. Inoltre, il suo deficit mondiale. L'acqua contaminata diventa potabile grazie al trattamento delle acque reflue. Cos'è il trattamento delle acque reflue? Il trattamento delle acque reflue è noto come l'insieme di procedure fisiche, chimiche e biologiche che consentono di convertire l'acqua contaminata in acqua potabile . P

Teoria delle stringhe

Teoria delle stringhe

Vi spieghiamo cos'è la teoria delle stringhe in fisica, la sua ipotesi principale e le sue varianti. Inoltre, la controversia sui suoi limiti. La teoria delle stringhe cerca di essere una "teoria per il tutto". Cos'è la teoria delle stringhe? La teoria delle stringhe è un tentativo di risolvere uno dei grandi enigmi della fisica teorica contemporanea e creare una teoria unificante dei suoi diversi campi, vale a dire un Teoria per il tutto. Q