• Tuesday September 21,2021

Comunicazione visiva

Spieghiamo cos'è la comunicazione visiva e gli elementi che la compongono. Inoltre, perché è così importante e alcuni esempi.

La comunicazione visiva può essere intesa come persone che parlano lingue diverse.
  1. Che cos'è la comunicazione visiva?

La comunicazione audiovisiva si riferisce alla trasmissione e alla ricezione di un messaggio attraverso immagini, segni o simboli .

All'interno di questo tipo di messaggi, è possibile includere testi, lettere o parole scritte, anche se prevale sempre il non verbale. Questo tipo di comunicazione ha il vantaggio di superare le barriere linguistiche e può essere compreso da persone che parlano lingue diverse. Qualcosa di molto simile accade nel tempo, poiché il messaggio può essere perpetuato.

Questa forma di comunicazione è molto antica. In effetti, i suoi inizi furono al tempo delle caverne, quando i dipinti furono realizzati nelle caverne e nel tempo fu esteso ai campi più diversi Come la pittura, la televisione, il cinema ... Internet. È uno strumento molto utile quando si diffonde un'idea o un marchio, quindi Una delle materie prime per gli inserzionisti durante la progettazione di una campagna pubblicitaria.

Vedi anche: Barriere di comunicazione.

  1. Elementi di comunicazione visiva

I colori sono rappresentazioni monocromatiche.

Diversi elementi visivi possono essere inclusi nella comunicazione visiva - sempre bidimensionale - per la conformazione del messaggio.

Alcuni di essi sono:

  • Il punto È l'unità più semplice all'interno della comunicazione visiva.
  • La linea . Può essere definito come "un punto mobile".
  • Dimension. Rappresenta il volume degli elementi.
  • Il contorno È ciò che definisce la linea.
  • Texture. Rappresenta il tattile.
  • I colori Sono rappresentazioni monocromatiche.

Inoltre, come ogni tipo di comunicazione, ha i seguenti elementi di base:

  • Emittente. Chi invia il messaggio.
  • Ricevitore. Chi lo riceve.
  • Messaggio. Il contenuto creato per comunicare.
  • Canale. Il supporto attraverso il quale viene inviato il messaggio.
  • Codice. Include una serie di regole e procedure per l'emissione e la ricezione del messaggio.
  1. Importanza della comunicazione visiva

La comunicazione visiva è più che importante e persino predominante nei nostri tempi. Siamo costantemente esposti ad esso, da quando guardiamo il nostro telefono cellulare fino a quando guidiamo e dobbiamo rispettare i segnali stradali. Anche quando andiamo al cinema, guardiamo la televisione o incontriamo un annuncio per strada. Fondamentalmente, condizionano la nostra vita, guidano il nostro comportamento e ci consentono di legarci con il resto della società.

Ecco perché è essenziale sapere come leggere i messaggi che vengono trasmessi visivamente, oltre a sapere come produrli. È uno strumento essenziale quando si tratta di diffondere messaggi in modo semplice ed efficiente .

Va ricordato che affinché questi messaggi abbiano effetto, l'emittente deve ricorrere a segni, simboli e qualsiasi altro elemento su cui vi sia un ampio consenso sul loro significato. In caso contrario, verrà generato rumore e il messaggio verrà interpretato erroneamente.

Ad esempio, se si desidera indicare che in una determinata area non è possibile parcheggiare, la cosa più pratica sarà quella di mettere un cartello con una E barrata lì, invece di inventare un logo o un simbolo, in modo che i conducenti non finiscano per parcheggiare lì.

Può servirti: segno linguistico.

  1. Esempi di comunicazione visiva

La funzione estetica cerca la bellezza con un obiettivo puramente artistico o estetico.

Secondo la funzione che soddisfa il messaggio, esistono diversi tipi di comunicazione visiva. Alcuni esempi sono i seguenti:

  • Emotive. La comunicazione è iniziata con uno scopo chiaro: trasmettere un'emozione. Tra questi messaggi, possiamo citare, ad esempio, l'immagine di un cucciolo, che viene mostrato per trasmettere tenerezza.
  • Fatto: ciò che l'emittente sta cercando è attirare l'attenzione. Qui potrebbe essere esemplificato con un segno che dice `` antico '' davanti a un pozzo o un analogo che indica che un liquido è tossico o velenoso in il suo contenitore, in modo che nessuno lo ingerisca.
  • Informativo: sono quei messaggi che hanno lo scopo di informare il destinatario. Ad esempio, un cartello che dice "salida", aiuta il transitorio a individuare la porta o la fotografia di una dimostrazione in un quadrato che illustra una nota giornalistica nella essere informato su quella stessa manifestazione.
  • Esortativo: la funzione di questa comunicazione, nota anche con il nome di appello, è convincere. Un chiaro esempio di ciò sono i messaggi pubblicitari o di propaganda, che si tratti di un poster, una brochure o un annuncio televisivo. Ad esempio, una pubblicità televisiva per una bibita che cerca di convincere il pubblico a comprarla, o la brochure di un candidato alla presidenza che cerca di dare argomenti ai cittadini in modo che Vota.
  • Estetica La funzione del messaggio è cercare la bellezza con un obiettivo puramente artistico o estetico. Qui puoi trovare, ad esempio, un dipinto o un film. Questa funzione è anche chiamata politica.
  1. Comunicazione uditiva

I messaggi sonori richiedono una percezione uditiva.

La comunicazione uditiva è quella stabilita dall'uso delle corde vocali . In esso, i suoni sono usati e caratterizzati dall'essere verbali. Ecco perché, per essere in grado di andare avanti, sia il mittente che il destinatario devono usare lo stesso codice, cioè parlare la stessa lingua.

Poiché questi messaggi sono rumorosi, richiedono una percezione uditiva. Alcuni esempi di comunicazione uditiva possono essere: una conversazione telefonica, una chat in un bar o l'ascolto della radio .


Articoli Interessanti

affare

affare

Spieghiamo cosa sono gli affari e alcune caratteristiche di questo termine. Inoltre, come può essere classificato in base alle sue attività. Un'azienda ti consente di ottenere denaro dagli utenti in cambio di un servizio o qualcosa di buono. Che cos'è il business? Il termine business deve la sua etimologia al negoziato latino, cioè una negazione del tempo libero: l'occupazione che la gente fa per profitto . Qu

distillazione

distillazione

Spieghiamo cos'è la distillazione, esempi di questo metodo di separazione e i tipi di distillazione che possono essere utilizzati. La distillazione utilizza la vaporizzazione e la condensa per separare le miscele. Che cos'è la distillazione? La distillazione è chiamata un metodo di separazione delle fasi , chiamato anche metodi di separazione delle miscele, Ciò che consiste nell'uso consecutivo e controllato di altri due processi fisici: vaporizzazione (o evaporazione) e condensa, us Selezionare selettivamente di separare gli ingredienti da una miscela, di solito di tipo omogeneo, c

Comunicazione non verbale

Comunicazione non verbale

Spieghiamo cos'è la comunicazione non verbale, quali sono le sue caratteristiche ed elementi. Inoltre, come è classificato ed esempi. La comunicazione non verbale di solito accompagna l'uso del linguaggio verbale per chiarirlo. Cos'è la comunicazione non verbale? Quando parliamo di comunicazione non verbale intendiamo tutte quelle forme di comunicazione che non usano la lingua come veicolo e sistema per esprimersi . C

Traduzione della terra

Traduzione della terra

Vi spieghiamo qual è la traduzione della Terra e le conseguenze di questo movimento. La velocità che raggiunge e la rotazione della Terra. Il `` movimento '' della traduzione raggiunge un viaggio di 930 milioni di chilometri. Qual è la traduzione della Terra? La traduzione della Terra è uno dei movimenti che il pianeta fa e consiste nel girare intorno al Sole. So

introduzione

introduzione

Spieghiamo cos'è l'introduzione di un'opera, un testo, un libro o un saggio e quali sono le sue caratteristiche. Inoltre, quali sono i suoi elementi. Con l'introduzione, il lettore acquisisce familiarità con l'argomento. Qual è l'introduzione? L'introduzione è la parte iniziale di un testo, sia in un saggio, un libro o un articolo di ricerca . In

transistor

transistor

Ti spieghiamo cos'è un transistor, la sua origine e come funziona. Inoltre, i tipi di transistor e i loro circuiti integrati. I transistor hanno la loro origine nella necessità di controllare il flusso di corrente elettrica. Che cos'è un transistor? Si chiama transistor (dall'inglese: fer transfer transistor, transfer resististor ) a un tipo di dispositivo elettronico a semiconduttore , in grado di modificare un segnale Uscita elettrica in risposta a un ingresso, che funge da amplificatore, interruttore, oscillatore o raddrizzatore. È