• Monday January 17,2022

conoscenza

Spieghiamo cos'è la conoscenza, quali elementi la rendono possibile e quali tipi esistono. Inoltre, la teoria della conoscenza.

La conoscenza include una vasta gamma di informazioni, abilità e conoscenze.
  1. Che cos'è la conoscenza?

È molto difficile definire la conoscenza o stabilirne i limiti concettuali. La maggior parte degli approcci a ciò che è dipende sempre dalla prospettiva filosofica e teorica che si possiede, dato che esiste una conoscenza relativa a tutti i rami della conoscenza umana, e anche na tutte le aree di esperienza.

Anche la conoscenza stessa funge da soggetto di studio: il ramo della filosofia che la studia è conosciuta come Teoria della Conoscenza.

Comunemente, comprendiamo per conoscenza il processo mentale, culturale e persino emotivo, attraverso il quale la realtà viene riflessa e riprodotta nel pensiero, da vari tipi di esperienze, ragionamento e apprendimento. Uno o più dei seguenti elementi possono essere inclusi in questo concetto:

  • Fatti o informazioni appresi da qualcuno e compresi attraverso l'esperienza, l'educazione, la riflessione teorica o sperimentale.
  • La totalità del contenuto intellettuale e la conoscenza che uno ha riguardo a un campo specifico della realtà.
  • La familiarità e la consapevolezza che si ottiene in merito a un determinato evento, dopo averlo vissuto.
  • Tutto quello che si può pensare di usare le domande c mo?, quando?, perché ?
  1. Elementi di conoscenza

Di solito vengono riconosciuti quattro elementi di conoscenza, che sono quelli coinvolti nell'acquisizione o nella formulazione di qualsiasi conoscenza:

  • Soggetto . Tutta la conoscenza viene acquisita da un soggetto, cioè fa parte del bagaglio mentale o intellettuale di un individuo.
  • Oggetto. Gli oggetti sono tutti elementi riconoscibili della realtà, che servono al soggetto a formare conoscenza, cioè a formulare idee, comprendere relazioni, creare pensieri. Il soggetto da solo, isolato da tutto e da tutti, non può acquisire conoscenza.
  • Operazione cognitiva . È un processo neurofisiologico complesso, che consente di stabilire il pensiero del soggetto attorno all'oggetto, ovvero consente l'interazione tra soggetto e oggetto e la loro formulazione intellettuale nella conoscenza.
  • Pensando. Il pensiero è difficile da definire, ma in quest'area possiamo comprenderlo come "impronta" psichica che il processo cognitivo lascia nel soggetto riguardo alla sua esperienza con l'oggetto. È una rappresentazione mentale dell'oggetto, inserita in una rete di relazioni mentali che consente l'esistenza della conoscenza in quanto tale.
  1. Tipi di conoscenza

La conoscenza empirica si ottiene attraverso il contatto diretto con il mondo.

Esistono molti modi per classificare le conoscenze, in base alla propria specifica area di conoscenza (ad esempio: medica, chimica, biologica, matematica, artistica, ecc.) O sulla sua natura e su come viene acquisita. Secondo quest'ultimo, avremmo:

  • Conoscenza teorica . Quelli che derivano da un'interpretazione della realtà o delle esperienze di terzi, cioè, indirettamente, o attraverso mediazioni concettuali come libri, documenti, film, spiegazioni, ecc. Di questo tipo sono credenze scientifiche, filosofiche e persino religiose.
  • Conoscenza empirica Questi sono quelli che otteniamo direttamente, dalla nostra esperienza dell'universo e dai ricordi che ne abbiamo lasciato. Questo tipo di conoscenza costituisce il quadro di base delle "regole" su come opera il mondo, che in alcuni casi può diventare non trasferibile, come la conoscenza spaziale, astratta e quella legata alle percezioni.
  • Conoscenza pratica Questi sono quelli che consentono di ottenere un fine o eseguire un'azione concreta o che servono a modellare il comportamento. Di solito vengono appresi per imitazione o teoricamente, ma possono essere realmente incorporati solo quando vengono messi in pratica. Questo è il caso delle conoscenze tecniche, etiche o politiche.

Infine, possiamo anche parlare di conoscenza formale: quelli che provengono dal corso di un istituto di insegnamento, come la scuola, l'università, ecc.; e conoscenza informale: quelli acquisiti al volo, nella vita, senza coinvolgere una particolare dinamica di insegnamento.

  1. Teoria della conoscenza

La teoria della conoscenza è uno dei rami della filosofia, che si concentra sullo studio della conoscenza umana, nei suoi diversi significati. A seconda della prospettiva accademica dello studio, la Teoria della conoscenza può essere considerata come sinonimo della gnoseologia dell'epistemologia.

Nel primo caso, viene studiata la natura stessa della conoscenza: la sua origine, i suoi limiti, ecc.; mentre nel secondo caso vengono studiate le circostanze storiche, psicologiche o sociologiche che definiscono l'acquisizione della conoscenza, nonché le strategie utilizzate per convalidare la conoscenza o, al contrario, per invalidarlo.

Altro in: Teoria della conoscenza

  1. Società della conoscenza

Il termine "società della conoscenza" deriva dall'enorme impatto culturale che la tecnologia dell'informazione e delle comunicazioni (TIC) nella cultura umana contemporanea, formulato dall'Austria Aco aco Peter Drucker.

Le società della conoscenza sono quelle che incorporano le TIC e tutto il loro potenziale ipercomunicante nella vita quotidiana delle relazioni sociali, culturali ed economiche della sua comunità. Pertanto, vengono facilitati nuovi schemi di comunicazione totale, che superano le barriere di tempo e spazio.

Tuttavia, questo termine non deve essere confuso con quello della società dell'informazione, dato che quest'ultimo è solo uno strumento di conoscenza, composto da fatti ed eventi. In altre parole, non copre necessariamente l'interpretazione e la comprensione delle informazioni da parte delle persone.

Una società dell'informazione è proprio ciò che consente lo scambio di informazioni, mentre una società della conoscenza è quella che utilizza le informazioni per trasformare la sua realtà sociale, economica e culturale alla ricerca di un modello di sviluppo sostenibile

  1. Gestione della conoscenza

Questo concetto deriva dall'inglese Knowledge Management ed è utilizzato quotidianamente nel mondo delle aziende e delle organizzazioni. La gestione della conoscenza è intesa come il modo specifico di gestire le informazioni e le risorse della conoscenza.

Il suo obiettivo è che le conoscenze specialistiche vengano trasferite nel luogo in cui verranno utilizzate o messe in pratica, ovvero che non rimangano solo nel luogo in cui vengono generate.

Questa prospettiva organizzativa ha il vantaggio di comprendere la conoscenza come una delle risorse più preziose di un'organizzazione. Pertanto, propone la sua diffusione come un modo per promuovere lo sviluppo delle capacità imprenditoriali.

Di conseguenza, quando la conoscenza scorre, genera nuove strutture di conoscenza e porta nuovi poteri all'organizzazione. Per questo motivo, le conoscenze dovrebbero essere amministrate sulla base di precetti tecnici, operativi e strategici all'interno di una data azienda.

Continua con: Intelligenza emotiva


Articoli Interessanti

risparmio

risparmio

Spieghiamo cosa sono i risparmi e quali tipi di risparmi esistono. Inoltre, perché è importante e quali sono le sue differenze con l'investimento. Si riferisce alla percentuale di reddito o reddito non destinata al consumo. Cosa sta salvando? Ha salvato la pratica di separare una parte del reddito mensile di una famiglia, un'organizzazione o un individuo , al fine di accumularlo nel tempo e quindi allocarlo ad altri.

tragedia

tragedia

Vi spieghiamo cos'è una tragedia e quale è stata l'origine di questa forma letteraria. Inoltre, alcuni esempi e qual è la tragedia greca. La tragedia di solito porta alla morte, alla follia o all'esilio del protagonista. Qual è la tragedia? La tragedia è chiamata forma letteraria (drammatica) e teatrale coltivata fin dai tempi antichi , in cui situazioni di conflitto in cui un personaggio è rappresentato con un tono solenne o una serie di essi, di solito di tipo illustre o eroico, sono affrontati a causa di un errore fatale o delle forme del loro personaggio verso un destino irrimed

mescolare

mescolare

Spieghiamo cos'è una miscela e quali sono i risultati che possono essere ottenuti. Inoltre, i suoi componenti e tipi di miscelazione. Una miscela può essere formata da qualsiasi tipo di elemento. Cos'è una miscela? Una miscela è un composto di altri due materiali che sono legati ma non combinati chimicamente. In

Circuito parallelo

Circuito parallelo

Spieghiamo cos'è un circuito parallelo e le formule che utilizza. Inoltre, alcuni esempi e cos'è un circuito in serie. I circuiti paralleli sono utilizzati nella rete elettrica di tutte le case. Che cos'è un circuito parallelo? Quando parliamo di un circuito parallelo o di una connessione parallela , intendiamo una connessione di dispositivi elettrici (come bobine, generatori, resistori, condensatori, ecc.).

Settore terziario

Settore terziario

Spieghiamo cos'è il settore terziario, le sue principali aree ed esempi. Inoltre, in cosa consistono i settori primario, secondario e quaternario. Il settore terziario fornisce supporto specializzato a consumatori o aziende. Quale settore terziario? Si chiama settore terziario o settore dei servizi della catena economica che, a differenza dei due precedenti, non si occupa dell'estrazione di materie prime o la sua trasformazione in beni di consumo, ma per la soddisfazione delle esigenze operative e commerciali o di qualsiasi altra natura richiesta sia dai consumatori finali che da altre

antropologa

antropologa

Ti spieghiamo cos'è l'antropologia e come nasce questa scienza. Inoltre, riassunto della sua storia e dei rami dell'attuale antropologia. L'antropologia si concentra sullo studio dell'uomo. Che cos'è l'antropologia? L'antropologia è una scienza sociale, che si concentra sullo studio dell'uomo nella sua forma integrale, un'altra definizione si riferisce allo studio dell'essere umano nelle sue diverse forme storiche. I