• Monday January 17,2022

Cultura Inca

Ti spieghiamo quale era la cultura Inca, la sua organizzazione sociale e politica, la sua religione, economia, posizione e altre caratteristiche.

La cultura Inca ha dominato il suo impero da Cusco, dove Machu Picchu esiste ancora.
  1. Qual era la cultura Inca?

Era conosciuta come la civiltà inca, la civiltà quechua o la cultura inca (talvolta scritta anche inka ), una delle più importanti culture precolombiane. Questa civiltà governò un potente impero in Sud America quando i conquistatori spagnoli arrivarono nel 1532.

Questo impero inca era la più grande organizzazione politica precolombiana in America e fiorì tra il XV e il XVI secolo. Si estendeva dalla costa del Pacifico sudamericana alle vette andine e dagli attuali territori dell'Ecuador, della Colombia e del Perù, a quelli della Bolivia e parte del Cile e dell'Argentina.

La sua capitale era la città sacra di Cusco, nell'attuale territorio peruviano. Da lì, hanno dominato la regione fino alla sua caduta contro gli spagnoli nel 1540, che guidati da Francisco Pizarro mise fine allo stile di vita quechua e iniziò il vicereame del Perù. Vi furono sacche di resistenza Inca (i cosiddetti Incas di Villacabamba) fino al 1572.

Gli Incas furono gli ultimi discendenti di una delle culle dell'umanità, situata a Norte Chico, tra Cile e Perù. Insieme al mesoamericano, questa era l'espressione umana umana più importante dell'America.

Gran parte della sua cultura sopravvive ancora, nelle regioni sudamericane con un'importante presenza indigena. È anche conservato in storie e tesori recuperati durante l'era coloniale che ha continuato a conquistare.

Ti può servire: cultura azteca

  1. Origine della cultura inca

La civiltà inca sorse formalmente verso il XII secolo d.C. C., con l'insediamento delle famiglie fondatrici nella valle di Cusco, proveniente dalla cultura Tiahuanaco o Tiwanaku sotto l'assedio dei loro nemici Aymara. Dopo due fermate a Huanacancha e Pallata, questi gruppi hanno trovato rifugio a Cuzco.

I primi insediamenti assimilarono forzatamente le tribù pre-inca della regione, incorporandole in ciò che gli Inca chiamavano Tawantinsuyu (in quechua "le quattro parti"), che è ciò che chiamavano impero nascente nella loro lingua. Svilupparono così una potente città preispanica che venne ad ospitare diverse migliaia di abitanti .

Secondo la tradizione Inca, il guerriero Manco Cápac fu l'organizzatore e il primo reggente degli Incas a Cuzco, protagonista di uno dei principali miti fondativi degli Inca, in cui lui e sua moglie Mama Ocllo sono descritti come il risultato dell'unione in Il lago Titicaca della dea Quilla, la luna e il dio Inti, il sole.

  1. Posizione della cultura Inca

La cultura inca si diffuse lungo la costa occidentale del Sud America.

La civiltà inca fiorì nel centro-ovest del Sud America. Nei suoi momenti di maggior potere arrivò a controllare i territori di Ecuador, Perù, Bolivia, parte della Colombia, Argentina settentrionale e Cile, in particolare nella regione costiera e ai piedi delle Ande.

Lì si sono goduti l'enorme varietà ecologica delle Ande. Inoltre, hanno saputo dominare le condizioni di vita a volte difficili per costruire una serie di fiorenti civiltà, di cui l'Impero Inca era la sua ultima e massima espressione.

  1. Caratteristiche della cultura inca

Oltre a Machu Picchu, l'architettura Inca è osservata in luoghi come Ollantaytambo.

Gli Incas furono l'ultima grande civiltà precolombiana d'America, soprattutto perché sapevano raccogliere e integrare le conoscenze scientifiche, artistiche e tecnologiche dei loro antenati e potenziarle.

La sua lingua, il quechua ( kechwa o kichwa ) persiste ancora tra le antiche popolazioni del suo impero, e faceva parte delle sue lingue ufficiali o veicolari, insieme ad Aymara, Mochica e Poquina, il che suggerisce che la sua cultura Aveva accordi importanti con le sue città vicine.

Al suo apice costruirono un'opera architettonica di importanza, di cui rimangono ancora rovine come il famoso Machu Picchu, tra le altre vestigia nelle sue città principali come Psac, Ollantaytambo o la fortezza cerimoniale di Sacsayhuam n, a due chilometri da Cuzco.

Scultura, musica, letteratura e pittura erano arti molto coltivate dagli Incas, insieme a tessuti, oreficeria e ceramica, per scopi pratici e anche No cerimoniale Sottolinea il suo rituale di mummificazione, in particolare per preservare i corpi di re e nobili morti, che sono stati esibiti durante le cerimonie rituali per ricevere la venerazione della loro gente.

  1. Organizzazione sociale della cultura inca

La società inca era strutturata sulla base di Ayllu, un concetto che poteva essere tradotto come lignaggio, comunità, genealogia, parentela o casta. Cioè, il possesso di un antenato comune, reale o mitologico ha gemellato i cittadini e li ha organizzati per intraprendere un lavoro, come l'agricoltura comunale, il servizio militare, ecc.

Ogni Ayllu aveva una curaca o un capo, che guidava il resto per essere un vecchio saggio, e un Sinchi, guerriero e comandante scelto tra i più forti abitanti del villaggio.

Ciò non significa che non esistessero classi sociali. In effetti, la nobiltà e il popolo erano ben differenziati nella società inca, ciascuno con livelli gerarchici diversi, come segue:

Nobleza. Costituito da eroi militari, sacerdoti o illustri cittadini, nonché dai curacas delle nazionalità sconfitte, che obbedirono all'Impero e rappresentarono l'aristocrazia locale, sottomessa dagli Incas. La nobiltà si distinse tra:

  • La corte reale o imperiale, compresi il monarca ( Inca ) e sua moglie ( coya ), e i principi legittimi ( auquis ).
  • Nobili di sangue, discendenti di re Inca e alti funzionari dell'Impero, come governatori, sacerdoti, ecc.
  • La nobiltà per privilegio, dove erano i cittadini la cui straordinaria esibizione in guerra, il sacerdozio o altre arti avevano guadagnato loro il titolo di nobile cittadino.

Città Comune degli abitanti dell'impero Inca, dedicato al lavoro pedonale come semina, pesca, artigianato o commercio. A seconda del loro commercio o delle loro condizioni potrebbero essere chiamati

  • Huatunrunas : agricoltori e allevatori.
  • Mitmaqkunas : colonizzatori e conquistatori di nuove terre.
  • Yanas : servi e prigionieri di guerra.
  • Mamaconas : donne tessili e di cucina che potrebbero essere mogli secondarie degli Inca o di altre autorità.
  • Pampayrunas : prigionieri costretti alla prostituzione.
  • Pinas : schiavi e prigionieri di guerra sottoposti allo Stato per lavori agricoli.
  1. Organizzazione politica della cultura inca

Gli Incas avevano una delle organizzazioni politiche più avanzate in tutta l'America precolombiana. Era una monarchia, ma con un livello molto alto di impegno per il benessere dei suoi soggetti, garantendo in un modo o nell'altro la soddisfazione di tutti i bisogni di base: cibo, alloggio, abbigliamento, salute e sesso.

Lungi dall'essere una monarchia europea assolutista, l'Impero Inca era governato da una diarchia, cioè due monarchi, uno a Cuzco Alto ( Hanan Cuzco ) e un altro a Cuzco Bajo ( Harin Cuzco ).

I primi aspetti civili, politici, economici e militari specialmente controllati (la Sapa Inca ) e l'altro concentrato potere sacerdotale (il Willaq Umu ), e sebbene la sua gerarchia fosse leggermente inferiore, fu anche influente nelle decisioni imperiali.

Le altre posizioni politiche, occupate dalla nobiltà, erano organizzate come segue:

  • L' Auqui Questo è il principe ereditario, che esercitò il governo congiunto con suo padre come una forma di preparazione per l'ufficio. Fu scelto tra tutti i figli maschi degli Inca e dei Coya, quindi fu nominato per merito e non per comando.
  • Il Tahuantinsuyo Camachic . Il Consiglio Imperiale era composto da quattro api, che governavano ciascuna delle loro quattro o regioni dell'Impero: Chinchansuyu, Cuntinsuyu, Antisuyu e Collasuyyu. Questi erano supportati da 12 consiglieri secondari.
  • L' Apunchic . Cioè, i governatori, con poteri politico-militari, che hanno risposto direttamente al consiglio o agli Inca, e sono stati garanti della stabilità nelle loro regioni.
  • Tucuir cuc . Il suo nome significava "Colui che vide tutto ed era una specie di veggente e supervisore imperiale, che controllava i funzionari di ogni provincia e aveva il potere di assumere, se necessario, l'autorità locale.
  • La curaca Il capo di ogni ayllu o comunità era equivalente a un cacique. Era generalmente il più vecchio e il più saggio del suo popolo, sebbene potesse essere espressamente designato dalle autorità. Fu lui a occuparsi di giustizia, raccogliendo tributi e mantenendo l'ordine.
  1. Economia della cultura Inca

Oltre all'agricoltura, gli Incas svilupparono l'allevamento di camelidi da parte del bestiame.

Il suo apparato produttivo era principalmente agricolo, assegnato da comunità o ayllu, alternandosi alla coltivazione solidale delle trame (in un sistema di terrazze molto particolare), alla coltivazione delle terre del re e alla cura delle loro mandrie e il lavoro per lo Stato consisteva nel lavorare su opere pubbliche: strade, ponti, templi, palazzi, ecc.

L'economia dei Quechua era controllata rigorosamente e diligentemente dallo Stato. Il lavoro era obbligatorio e proporzionale all'età . Oltre all'agricoltura, c'era il servizio militare, obbligatorio per tutti gli uomini, e il lavoro di messaggistica o di casta, che poteva comunicare rapidamente diverse regioni dell'impero attraverso un sistema di ritrasmissione .

Si stima che coltivassero più di ottanta specie vegetali, come patate (quasi 200 varietà), mais (addomesticato indipendentemente dal mesoamericano), patata dolce, quinoa, ruba, pomodoro, uomo, Manioca, avocado e fagioli.

Hanno anche coltivato piante tessili come cotone e magéey, o piante da diporto come tabacco e coca. Il lavoro zootecnico consisteva nell'allevamento di camelidi andini come alpaca, lama o vigogna, e la pesca veniva praticata nei laghi e in particolare sulla costa del Pacifico .

D'altro canto, il baratto era un'attività fondamentale, sia all'interno dell'Impero che con le comunità vicine, e le sue rotte di scambio si estendevano oltre i confini imperiali. Si pensa che la navigazione commerciale inca avrebbe raggiunto terre lontane dall'attuale Panama e Costa Rica.

  1. Religione della cultura Inca

Come altri popoli precolombiani, il Quechua era profondamente religioso e i suoi riti erano una parte importante della vita quotidiana e delle sue feste . A differenza delle religioni europee, non avevano un dio padre centrale, sebbene un posto di spicco del loro culto fosse dedicato a Wiracocha.

Erano politeisti e pantere . Avevano un pantheon di divinità locali, regionali e imperiali, a cui corrispondevano fenomeni naturali come il sole ( Inti ), la luna ( Mamma Quilla ), il lampo ( Chuqui ) illa )

Altre divinità rappresentavano idee molto più complesse come Pachamama (dea madre della terra e fertilità), Pachac mac (dio che fertilizza la terra e causa terremoti e coltivazione).

La sua comprensione del divino ruotava attorno al concetto di gambero, una sorta di forza vitale che animava tutto ciò che esiste, anche nei morti, nelle montagne e negli esseri sacri.

Inoltre, avevano luoghi di culto noti come huacas, incaricati dei sacerdoti che svolgevano anche funzioni oracolari, organizzavano offerte, celebrazioni e sacrifici. Quest'ultimo riguardava generalmente animali, foglie di coca e raramente umani.

Continua con: Olmec Culture


Articoli Interessanti

informazioni

informazioni

Spieghiamo tutto sull'informazione, come viene usata, la sua classificazione e altre caratteristiche. Inoltre, la sua importanza per lo Stato. Le informazioni trovano diversi formati, usi e forme di archiviazione. Qual è l'informazione? L'informazione è un insieme organizzato di dati rilevanti per una o più materie che ne ricavano conoscenze. C

tolleranza

tolleranza

Vi spieghiamo cos'è la tolleranza e come questo valore è stato sviluppato nella storia fino a quando non raggiunge il concetto di tolleranza oggi. La tolleranza implica accettare e rispettare se stessi e gli altri. Che cos'è la tolleranza? La tolleranza è il rispetto e l' accettazione delle opinioni, credenze, sentimenti o idee altrui , anche quando differiscono o sono antagoniste alle proprie. Pe

Rivoluzione scientifica

Rivoluzione scientifica

Vi spieghiamo quale fu la Rivoluzione scientifica, quando avvenne, quali furono i suoi principali contributi e i principali scienziati. Copernico iniziò la Rivoluzione scientifica spiegando il movimento delle stelle. Qual è stata la rivoluzione scientifica? È conosciuta come la Rivoluzione scientifica al drastico cambiamento del modello di pensiero che ebbe luogo tra il XV, il XVI e il XVII secolo , in Occidente, durante la prima età moderna. Pe

diga

diga

Ti spieghiamo cos'è una diga, le parti che la compongono e come è classificata. Inoltre, differenze con la diga e il serbatoio. Le dighe sono progettate da ingegneri civili per deviare o fermare l'acqua. Che cos'è una diga? Una diga è una struttura che mira a deviare o fermare l'acqua , o entrambe, per sfruttarla o impedirne il danneggiamento. È

ONU

ONU

Spieghiamo cos'è l'ONU, l'origine e la storia di questa organizzazione internazionale. Inoltre, a cosa serve e i paesi che lo compongono. Le Nazioni Unite consentono una discussione mirata su questioni e aspetti di interesse internazionale. Cos'è l'ONU? L'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), nota anche come Nazioni Unite (ONU), è la più grande e importante organizzazione internazionale del mondo , che riunisce la maggior parte delle nazioni esistenti per discutere e risolvere dilemmi che colpiscono l'umanità nel suo insieme. L&#

Cellula procariotica

Cellula procariotica

Spieghiamo cos'è una cellula procariotica, come viene classificata e le parti che la compongono. Le sue funzioni e cos'è una cellula eucariotica. Gli organismi procariotici sono evolutivamente più vecchi degli eucarioti. Cos'è una cellula procariotica? Le cellule procariotiche o procarioti sono organismi viventi monocellulari , appartenenti all'impero procariota o al regno di Monera, a seconda della classificazione biologica preferita. Qu