• Sunday August 14,2022

etnografo

Spieghiamo cos'è l'etnografia, qual è la sua storia e gli obiettivi di questo metodo di studio. Vantaggi, limitazioni e classificazione.

L'etnografia viene applicata allo studio di qualsiasi forma di gruppo sociale.
  1. Cos'è l'etnografia?

Resta inteso poretnografa, indicato anche per come la scienza dei popoli, i estudiode sistematica modo in cui le persone e le culture, in particolare attraverso l'osservazione delle loro pratiche culturali e sociali. Più che una scienza in sé, di solito è considerata una branca dell'antropologia sociale, quando non è uno strumento o un metodo di ricerca.

L'etnografia è stata ampiamente utilizzata nell'analisi delle comunità aborigene durante il ventesimo secolo ed è attualmente applicata allo studio di qualsiasi forma di gruppo sociale. Ciò è dovuto al fatto che, come metodo per ottenere informazioni, è di gran lunga superiore alle sue alternative, poiché consente di ottenere informazioni in tempo reale e dirette dalla fonte e di natura molto varia.

Non deve essere confuso con l'etnologia, un'altra disciplina dalla quale differisce nel suo approccio fondamentale alla materia.

Vedi anche: Scienze della comunicazione.

  1. Storia dell'etnografia

Nell'antichità veniva praticata l'etnografia, quando venivano trasmesse osservazioni e descrizioni dei popoli, in particolare quelle considerate "barbaros" o esotiche, da i centri del potere, generalmente potenti imperi che erano considerati il ​​centro del mondo. Lo stesso accadde con l'Europa colonialista la cui espansione iniziò nel XV secolo e continuò fino al diciannovesimo secolo, esplorando l'intero pianeta e prendendo nota delle popolazioni che erano.

Formalmente, l'etnografia inizia con l'antropologia sociale, in quanto erede di detto interesse europeo per il mondo esotico e distante dell'Est (in particolare), o per le culture aborigene americane sopravvissute. Suo padre e fondatore sono gli stessi dell'antropologia sociale, Bronislaw Malinowski. Tuttavia, sarebbe con la svolta all'interno dell'antropologia, che consentiva una visione più pluralistica delle società, insieme allo sviluppo di altre scienze sociali come la linguistica, la psicologia e la sociologia, che sarebbero state costituite come disciplina scientifica, e che potrebbe verificarsi un dibattito necessario sulla sua natura.

  1. Definizione di etnografia

L'etnografia studia l'essere umano e le società in cui è organizzata.

Tradizionalmente, l'etnografia implicava la descrizione scritta del modo di vivere di una società puntuale o di un gruppo umano . È inquadrato nelle cosiddette scienze umane o scienze sociali, poiché il suo oggetto di studio è l'essere umano e le società che organizza, ma lo fa dalla presenza dell'osservatore stesso al loro interno. Visto in questo modo, qualsiasi esercizio di antropologia sociale si basa sulla raccolta, il confronto e l'analisi di esperienze etnografiche proprie o di terzi.

  1. Obiettivo dell'etnografia

L'etnografia intende fare una descrizione obiettiva delle dinamiche, delle strutture e dei processi che si verificano all'interno di un determinato gruppo umano. Questo al fine di costruire il proprio oggetto di studio, compilando e interpretando i dati ottenuti. Chiunque lo eserciti svolge il ruolo di osservatore, ma anche di analista, nel senso che deve confrontare l'osservato con qualcosa con Questo ha senso: quel qualcosa è le strutture, i processi e le dinamiche della società da cui proviene.

  1. Vantaggi dell'etnografia

Solo all'interno di un gruppo umano la realtà sociale può essere descritta fedelmente.

La ricchezza di informazioni è senza dubbio il lato solido dell'etnografia, dal momento che i loro studi forniscono molte più informazioni di quelle che potrebbero essere ottenute attraverso fonti documentarie o altri tipi di ricerca. n. Questo si basa sul presupposto che solo essere all'interno di un gruppo umano può riferirsi e descrivere fedelmente la realtà sociale e culturale di ciò che sta accadendo: questo implica che si tratta di una scienza qualitativa piuttosto che quantitativa, poiché è interessata a interpretare ciò che si verifica e non lanciando dati statistici che li riflettono.

  1. Limitazioni dell'etnografia

L'etnografia ha un lato sottile, ed è utile solo di fronte alle piccole comunità, il cui comportamento e struttura possono essere abbracciati con relativa facilità. Inoltre, dipende dalla capacità del ricercatore di penetrare in queste comunità e guadagnare la loro fiducia, dandogli accesso a pratiche e discorsi che uno straniero normalmente non apprezzerebbe.

Allo stesso modo, la presenza dell'osservatore nella comunità studiata implica che le loro soggettività, i pregiudizi e le esperienze possono facilmente intrufolarsi nelle loro descrizioni etnografiche, oppure possono predisporre la comunità studiata a non agire in modo naturale. ; pertanto, l' obiettività sarà sempre un argomento presente tra i limiti dell'etnografia .

  1. Tipi di etnografia

Tradizionalmente, si distinguono due tipi fondamentali di approccio etnografico:

  • Macroetnografia Parte dello studio del comportamento individuale, delle dinamiche su piccola scala, e da lì cerca di ottenere conclusioni sull'intero gruppo umano.
  • Microetnografia Fai il percorso inverso, partendo dalle domande più ampie del gruppo per cercare di capire i comportamenti individuali o per cercare di controllarli nelle storie personali.
  1. Come eseguire un'etnografia?

È necessario analizzare e trarre conclusioni dalle informazioni ottenute.

Tutta l'etnografia viene eseguita attraverso tre passaggi fondamentali:

  • Osservazione. Si tratta di organizzare i cinque sensi per acquisire quante più informazioni possibili nel quadro sociale da indagare, senza trascurare alcun tipo di dati o esperienze.
  • Descrizione: la ricomposizione di ciò che è stato osservato in un documento (scritto, visivo, sonoro) che funge da supporto e ne consente la revisione, la correzione e la trasmissione.
  • Analisi. Le informazioni ottenute e registrate devono essere raccolte, confrontate, comprese e le conclusioni pertinenti devono essere tratte da essa, sia su piccola che su larga scala.
  1. Storie di vita

Uno degli strumenti più comuni disponibili per l'etnografia sono le storie di vita: conteggi vitali soggettivi ottenuti attraverso un'intervista faccia a faccia tra lo studente e la materia da studiare, in cui è indotto a racconta la tua vita e forniscici tutti i dettagli, come le tue convinzioni, valori, miti, pratiche religiose, ecc. Da questo tipo di profili, simili a quelli degli psicologi, vengono creati documenti che servono come fonti etnografiche per ulteriori studi.

  1. Bronislaw Malinowski

Bronislaw Malinowski ha avuto esperienze sul campo in comunità aborigene.

Nato nell'Impero austro-ungarico nel 1884 e morto nel 1942 negli Stati Uniti, è considerato il padre fondatore dell'antropologia sociale britannica . Ha rinnovato questo campo di studio interamente da una considerazione funzionale della cultura, mano nella mano con la psicoanalisi e le sue esperienze sul campo in numerose comunità aborigene della Melanesia e Papua Nuova Guinea. Uno dei suoi famosi saggi è la sua introduzione al famoso libro di Fernando Ortiz, `` Cuban Counterpoint of Tobacco and Sugar '' (1940).

  1. Differenze tra etnografia ed etnologia

Sebbene suonino simili, queste due discipline differiscono nelle loro radici. Mentre l'etnografia comporta uno studio sul campo, un'indagine in loco di una cultura o di un gruppo sociale, l'etnologia consiste invece di confronto o confronto tra due culture documentate e contemporanee. In effetti, l' etnologia può anche essere etnistoria, quando è dedicata al confronto temporale di culture o società.


Articoli Interessanti

efficacia

efficacia

Ti spieghiamo cos'è l'efficienza e quali sono le sue differenze con l'efficienza. Inoltre, cos'è l'efficacia ed esempi di efficacia. L'efficacia non si concentra su come raggiungere un obiettivo mentre viene raggiunto. Qual è l'efficacia? Secondo il Dizionario linguistico spagnolo della Royal Spanish Academy, l'efficacia sarà la qualità di qualcosa che produce l'effetto desiderato o previsto , per il quale tuttavia l'uso di Voce senza efficienza. Que

ambiente

ambiente

Spieghiamo cos'è l'ambiente e quali elementi lo compongono. Inoltre, informazioni sull'inquinamento ambientale. L'ambiente è costituito da fattori biotici e abiotici. Cos'è l'ambiente? L'ambiente è lo spazio in cui si sviluppa la vita degli esseri viventi e che consente la loro interazione. Tu

capitale

capitale

Spieghiamo cos'è il capitale e quali sono i modi per ottenerlo. Inoltre, i significati di questo termine in vari campi. Il capitale può essere usato come mezzo di potere per aumentare il capitale proprio. Cos'è il capitale? Il termine capitale deriva dalla capitale latina . Il concetto di capitale ha significati diversi, a seconda del contesto e della disciplina utilizzata. I

Televisione digitale

Televisione digitale

Vi spieghiamo cos'è la televisione digitale e le sue caratteristiche principali. Inoltre, il suo funzionamento e la composizione della televisione analogica. La TV digitale utilizza segnali binari anziché analoghi tradizionali. Cos'è la televisione digitale? È noto come `` Digital Television '' o `` DTV '' (per il suo acronimo in inglese: Digital Tele V ision ) per una serie di nuove tecnologie di trasmissione n ricezione audiovisiva che utilizza segnali digitali anziché il tradizionale analogo della televisione. Ciò

Legge di Hooke

Legge di Hooke

Spieghiamo qual è la legge di Hooke, la sua formula e le sue applicazioni in ingegneria e architettura. Inoltre, come viene calcolata l'elasticità. Maggiore è il carico applicato a un oggetto, maggiore è la deformazione che subisce. Qual è la legge di Hooke? La legge dell'elasticità di Hooke, o semplicemente la legge di Hooke, è il principio fisico attorno al comportamento elastico dei solidi . Fu fo

Narratore Protagonista

Narratore Protagonista

Ti spieghiamo qual è il narratore protagonista e come racconta una storia. Inoltre, esempi di questo e degli altri tipi di narratori. I protagonisti principali raccontano la loro storia con piena consapevolezza di se stessi. Qual è il narratore del personaggio principale? Un narratore principale è inteso come una voce narrativa (un narratore) presente nelle narrazioni letterarie e di altro genere, a cui viene assegnato il compito di raccontare la trama in prima persona (I), assumendo il ruolo principale della stessa . I