• Wednesday December 8,2021

genetico

Ti spieghiamo cos'è la genetica, qual è la sua storia e perché è così importante. Inoltre, cos'è la genetica umana e l'eredità genetica.

Il DNA è una proteina cpaz na per creare copie esatte di se stesso.
  1. Cos'è la genetica?

La genetica è una branca della biologia che studia come le caratteristiche fisiche e i tratti vengono trasmessi da una generazione all'altra . Per comprendere questa eredità, esamina i geni presenti nelle cellule del corpo e che hanno un codice speciale chiamato DNA (acido desossiribonucleico). Questo codice determina l'aspetto fisico e le probabilità di contrarre determinate malattie.

I geni funzionano come unità di memorizzazione delle informazioni e contengono istruzioni su come le cellule dovrebbero funzionare per formare le proteine. Queste proteine ​​sono ciò che dà origine a tutte le caratteristiche dell'individuo. Il DNA è una proteina che controlla la struttura e il funzionamento di ogni cellula e ha la capacità di creare copie esatte di se stessa. L'RNA (acido ribonucleico) è una molecola che svolge la funzione di messaggero delle informazioni sul DNA.

Vedi anche: Evoluzione.

  1. Storia della genetica

Nel 1910 fu scoperta la base dei cromosomi trovati in ogni cellula.

La genetica è una scienza del ventesimo secolo (nominata nel 1906 da William Bateson) che iniziò con la riscoperta delle leggi di Mendel. Alcuni progressi concettuali del diciannovesimo secolo furono la chiave del successivo pensiero genetico, ad esempio:

  • 1858. Il tedesco Rudolf Virchow introdusse il principio di continuità della vita per divisione cellulare e stabilì la cellula come unità di riproduzione.
  • 1859. L'inglese Charles Darwin presentò la sua teoria "L'origine delle specie", in cui sostiene che gli organismi esistenti provengono da esseri che esistevano in passato e che attraversavano un processo di discesa graduale, con alcune modifiche.
  • 1865. Il ceco Gregor Mendel, oggi considerato il fondatore della genetica, stabilì le "leggi di Mendel" che consistevano nelle prime regole di base sulla trasmissione di modelli ereditari, dai genitori ai loro figli. A quei tempi il suo lavoro veniva ignorato.
  • 1900-1940. periodo di "genetica classica". La genetica è emersa come la loro scienza indipendente con la riscoperta delle "leggi di Mendel".
  • 1909. Il danese Wilhem Johannsen introduce il termine "gene" per riferirsi ai fattori ereditari delle indagini di Mendel.
  • 1910. Thomas Hunt Morgan e il suo gruppo alla Columbia University scoprirono le basi dei cromosomi trovati in ogni cellula.
  • 1913. Alfred Sturtevant delinea la prima mappa genetica che mostra la posizione dei geni, tra le altre caratteristiche importanti.
  • 1930. Fu confermato che i fattori (o geni) ereditari sono l'unità base dell'eredità sia funzionale che strutturale e che si trovano sui cromosomi.
  • 1940-1969. La proteina del DNA è stata riconosciuta come sostanza genetica e l'RNA come molecola messaggera dell'informazione genetica. Sono stati inoltre compiuti progressi nella conoscenza della struttura e delle funzioni dei cromosomi.
  • 1970-1981. Durante questo periodo emersero le prime tecniche di manipolazione del DNA e i primi topi e mosche concepiti artificialmente furono ottenuti mediante ingegneria genetica con la miscelazione del DNA da altri organismi.
  • 1990. Lep-Chee Tsui, Francis Collins e John Riordan scoprono il gene difettoso che, una volta mutato, è responsabile della malattia ereditaria chiamata "fibrosi cistica". James Watson e Francis Crick, insieme ad altri collaboratori, lanciarono il progetto "genoma umano" e scoprirono la struttura a doppia elica della molecola di DNA.
  • 1995-1996. Durante gli anni della rivoluzione scientifica e sociale, Ian Wilmut e Keith Campell riuscirono a catturare la sequenza completa di un genoma e ottennero il primo mammifero clonato dalle cellule mammarie. Era la pecora Dolly, che non era nata dall'unione di due cellule (un uovo e una cellula di sperma) ma proveniva da una cellula ghiandolare mammaria di un'altra pecora che non era più viva.
  • 2001-2019. Durante questo periodo, considerato il "secolo della genetica", il progetto sul genoma umano è stato completato con successo e ha raggiunto il 99% del genoma sequenziato. Questo risultato ha dato origine a una nuova era della ricerca genetica che ha offerto importanti contributi alla biologia, alla salute e alla società.
  1. Importanza della genetica

La genetica è una scienza che studia la trasmissione delle caratteristiche ereditarie di un organismo e la sua traiettoria mostra che è una scienza della crescita esponenziale. I loro contributi sull'evoluzione della specie e sulla soluzione di problemi o malattie congeniti sono il loro più grande vantaggio, nonostante alcuni esperimenti vadano di pari passo con controversie a livello etico e filosofico, come, la clonazione di animali.

  1. Genetica umana

I geni determinano la crescita, lo sviluppo e il funzionamento dell'organismo.

La genetica umana esamina l'eredità biologica nell'uomo attraverso le cellule che sono piccole unità viventi che compongono i muscoli, la pelle, il sangue, i nervi, le ossa, gli organi e tutto ciò che costituisce un organismo. Gli esseri umani nascono dall'unione di due cellule, un vulo e una cellula spermatica, che formano una nuova cellula chiamata z zigote che si divide successivamente fino a formare un Baby con tutte le sue caratteristiche e caratteristiche.

L'essere umano ha circa 30.000 geni che contengono le istruzioni che determinano la crescita, lo sviluppo e il funzionamento dell'organismo. I geni sono distribuiti in 23 coppie di cromosomi (o 46 cromosomi in totale) all'interno delle cellule. I cromosomi sono strutture che contengono DNA e RNA, ovvero hanno una sequenza di informazioni chimiche che determina come saranno la morfologia e il funzionamento dell'organismo.

  1. Eredità genetica

L'eredità genetica è la trasmissione, attraverso le informazioni esistenti nel nucleo delle cellule, delle caratteristiche anatomiche, fisiolo Logico o meno, da un essere vivente ai suoi discendenti. Per conoscere l'eredità genetica, l'origine delle somiglianze tra i membri della stessa famiglia non è sufficiente, ma è necessario contemplare l'epidemiologia genetica (malattie degli antenati) e l'ambiente in cui interagisce. Un individuo. La trasmissione di materiale genetico ha le seguenti caratteristiche:

  • Genotipizzata. È l'insieme di tutte le informazioni trasmissibili contenute nei geni.
  • Fenotipo. Qualsiasi caratteristica visibile che un individuo (fisico o comportamentale) presenta è determinata dall'interazione tra il genotipo e l'ambiente.
  • Meiosi. È una delle forme di divisione cellulare delle cellule
    allevatori, in cui si verifica una giunzione zigote di due cellule (un uovo e una cellula spermatica).
  • Mitosi. È la divisione cellulare che provoca due nuove cellule con la stessa quantità di cromosomi, cioè rispettivamente le stesse informazioni genetiche.
  • Mutazione. È la variazione che si verifica nel genotipo di un individuo e può essere spontanea o indotta da mutanti genetici, che hanno luogo nel DNA.
  1. Tipi di eredità genetica

Gli uomini possono trasmettere il loro cromosoma Y solo ai loro figli maschi.

Esistono diversi tipi di eredità genetica che dipendono da unità discrete chiamate "geni". Gli umani hanno 23 coppie di cromosomi, uno dalla madre e un altro dal padre. I cromosomi sono strutture che contengono geni e dove possono esserci diverse forme dello stesso gene chiamato elelos .

Ad esempio, nel gene del colore degli occhi, un individuo può ereditare un allele dal padre che determina che gli occhi sono blu e eredita uno diverso dalla madre che indica che gli occhi sono verdi. Pertanto, il colore degli occhi dell'individuo dipenderà dalla combinazione di alleli dello stesso gene . Da questo esempio, i diversi tipi di eredità genetica sviluppati di seguito possono essere meglio compresi.

  • L'eredità dominante-recessiva. Si verifica quando uno degli alleli domina su un altro e le sue caratteristiche sono dominanti.
  • L'eredità incompleta dominante. Si verifica quando nessuno degli alleli domina l'altro, quindi il tratto nella prole è una miscela di entrambi gli alleli.
  • L'eredità poli genetica. Succede quando una caratteristica individuale è controllata da due o più coppie di geni ed è espressa sotto forma di piccole differenze. Ad esempio, l'altezza.
  • L'eredità legata al sesso. Si verifica quando gli alleli sono nei cromosomi sessuali (corrispondono alla coppia numero 23), che sono rappresentati dal segno XY nelle varianti e XX Nella donna. Gli uomini possono trasmettere il loro cromosoma Y solo ai loro figli maschi, quindi nessun tratto legato all'X viene ereditato dal padre. Al contrario, succede con la madre che passa il suo cromosoma X solo alle sue figlie femmine.
  1. Variabilità genetica

La mutazione è causata da qualsiasi cambiamento in una sequenza di DNA.

La variabilità genetica è la modifica dei geni degli individui della stessa specie che differiscono in base alla popolazione in cui vivono . Ad esempio, i giaguari che popolano il Brasile sono quasi due volte più grandi di quelli che popolano il Messico, anche se appartengono alla stessa specie. Esistono due principali fonti di variazione genetica:

  • La mutazione È prodotto da qualsiasi cambiamento in una sequenza di DNA, sia da un errore nella replicazione del DNA che da radiazioni o sostanze chimiche ambientali.
  • La combinazione di geni. Viene generato durante la riproduzione delle cellule ed è così che si verificano la maggior parte delle variazioni ereditarie.
  1. Manipolazione genetica

Manipolazione genetica, o anche chiamata engine Consiste in una serie di metodi di laboratorio che consentono di modificare le caratteristiche ereditarie di un organismo per isolare geni o frammenti di DNA, clonarli e introdurli in altri genomi in modo che vengano espressi. Ad esempio, quando nuovi geni vengono introdotti in piante o animali, gli organismi risultanti vengono chiamati ans transg nicos .

Vedi anche: Clonazione.

di riferimento:


Articoli Interessanti

Punto di ebollizione

Punto di ebollizione

Spieghiamo qual è il punto di ebollizione e come viene calcolato. Esempi di punti di ebollizione. Punto di fusione e congelamento. A una pressione normale, il punto di ebollizione dell'acqua è di 100 ° C. Qual è il punto di ebollizione? Il punto di ebollizione è la temperatura alla quale la pressione di vapore di un liquido raggiunge quella del mezzo in cui si trova, o in altre parole, la temperatura alla quale un liquido Il liquido lascia il suo stato ed entra nello stato gassoso (vapore). Que

Birds of Prey

Birds of Prey

Spieghiamo quali sono i rapaci, la loro classificazione, le caratteristiche e l'alimentazione. Inoltre, il suo rapporto con l'uomo e gli esempi. I rapaci, come il falco sacro, cacciano animali. Cosa sono i rapaci? Gli uccelli predatori, chiamati anche uccelli rapaci o uccelli rapaci, sono uccelli predatori , cioè cacciano e si nutrono di altri animali.

marxismo

marxismo

Ti spieghiamo cos'è il marxismo e cosa implica questa dottrina. Altri concetti come alienazione, lotta di classe, plusvalore. Il marxismo ha come postulato di base lo scioglimento della società capitalista. Che cos'è il marxismo? Il marxismo è stata la dottrina che ha influenzato il grande sistema politico-economico e ideologico con cui il capitalismo ha dovuto combattere durante il diciannovesimo secolo, ma soprattutto durante il ventesimo secolo: il comunismo. Me

WTO

WTO

Spieghiamo cos'è l'OMC, la storia di questa organizzazione mondiale e i suoi obiettivi. Inoltre, le sue diverse funzioni e paesi che lo integrano. L'OMC monitora le regole commerciali regolate dalle nazioni del mondo. Cos'è l'OMC? L'OMC sta per Organizzazione mondiale del commercio, un'organizzazione internazionale senza collegamenti con il sistema delle Nazioni Unite (ONU) o bretoni (come la Banca mondiale o il Fondo monetario internazionale), dedicato alla supervisione delle norme internazionali in base alle quali è regolato il commercio tra le nazioni del mondo, f

Ciclo di Calvin

Ciclo di Calvin

Spieghiamo cos'è il ciclo Calvin, le sue fasi, la sua funzione e i suoi prodotti. Inoltre, la sua importanza per gli organismi autotrofi. Il ciclo di Calvino è la "fase oscura" della fotosintesi. Cos'è il ciclo di Calvin? È noto come il ciclo di Calvin, il ciclo di Calvin-Benson o il ciclo di fissazione del carbonio nella fotosintesi, a una serie di processi biochimici che si svolgono negli stomi dei cloroplasti di piante e altri organismi autotrofi la cui nutrizione viene effettuata attraverso la fotosintesi. Le

contratto

contratto

Spieghiamo cos'è un contratto e i tipi di contratto che possono essere stipulati. Inoltre, le sue parti e la loro differenza con un accordo. Un contratto è un patto di obblighi e diritti tra due persone fisiche o giuridiche. Che cos'è un contratto? Un documento legale che esprime un accordo comune tra due o altre persone qualificate (note come le parti del contratto), che sono vincolate ai sensi del presente documento a un determinati scopi o cose, il cui adempimento deve essere sempre bilaterale, o altrimenti il ​​contratto sarà considerato rotto e non valido. In alt