• Monday January 17,2022

Guerre napoleoniche

Ti spieghiamo quali erano le guerre napoletane, le loro cause, conseguenze, nazioni che hanno partecipato e personaggi principali.

Sotto il dominio di Napoleone, l'esercito francese affrontò diverse coalizioni.
  1. Quali erano le guerre napoleoniche?

È noto come Guerre Napoleoniche o Guerre della Coalizione nella serie di conflitti di guerra che si verificarono in Europa all'inizio del diciannovesimo secolo . Hanno affrontato la Francia contro un insieme variabile di alleanze europee che sono emerse contro di essa.

Erano direttamente collegati al governo di Napoleone I Bonaparte nella Francia post-rivoluzionaria. Non esiste un criterio unanime degli storici riguardo all'inizio delle guerre napoleoniche, poiché in qualche modo costituiscono un prolungamento dei conflitti iniziati con la Rivoluzione francese. del 1789 .

Tuttavia, a causa delle interferenze britanniche, durarono durante il periodo del Primo Impero francese. Alcune versioni scelgono come data iniziale l'ascesa di Napoleone al potere nel 1799, o il contesto tra il 1799 e il 1802 delle guerre rivoluzionarie francesi, o la dichiarazione di guerra della Gran Bretagna in Francia nel 1803.

Le guerre napoleoniche, in ogni caso, terminarono il 20 novembre 1815, dopo che l'esercito napoleonico fu sconfitto nella battaglia di Waterloo nel giugno di quell'anno, e il firma del trattato di Parigi del 1815. A causa della sua estensione e della quantità di potenze militari europee coinvolte, questo conflitto è di solito chiamato la Grande Guerra francese.

  1. Sfondo delle guerre napoleoniche

Quando la Francia abbracciò gli ideali repubblicani durante la Rivoluzione del 1789 e rovesciò la sua monarchia, altre nazioni d'Europa proposero una Prima Coalizione per cercare di schiacciare il movimento rivoluzionario prima che si diffondesse altri territori

Ciò ha iniziato le guerre rivoluzionarie francesi. In essi, Austria, Prussia, Regno Unito, Spagna e Piemonte (Italia) furono sconfitti dall'esercito rivoluzionario francese .

A questa sconfitta coalizione continuò una seconda coalizione, composta da Gran Bretagna, Impero russo, Portogallo, Regno di Napoli e Stato Pontificio. Questa volta hanno avuto più fortuna, dato lo stato di disordine e corruzione del Direttorio Francia, nonché la partenza di Bonaparte, che era in Africa nella sua campagna in Egitto.

Questo scenario di sconfitte francesi iniziali ha giustificato il ritorno di Napoleone in Europa, al fine di farsi carico del conflitto. Così, ha dato il colpo di stato del Brumaire 18 (il 9 novembre secondo il calendario attuale) annullando così il Direttorio e affermandosi come Console di Francia, con poteri quasi illimitati.

Da quel momento si potrebbe parlare delle guerre napoleoniche in senso lato. Le vittorie di Napoleone contro l'esercito russo, parzialmente rimosse dal fronte a causa della morte di Caterina II di Russia, furono il preludio alle sue vittorie contro gli austriaci nelle battaglie di Marengo (14 giugno 1800) e Hohenlinden (3 dicembre del 1800).

La Seconda Coalizione crollò nel 1802 con la firma tra la Gran Bretagna e la Francia della Pace di Amiens. Questo trattato durò molto poco e nel 1803 fu violato da entrambe le parti, dando così seguito alle stesse guerre napoleoniche.

  1. Cause delle guerre napoleoniche

Le cause delle guerre napoleoniche devono essere ricercate nel fenomeno che fu la rivoluzione francese e l'effetto che la caduta del re francese ebbe sulla monarchia dei paesi vicini, che per inzuppare la barba decise di fare la guerra al nuovo governo repubblicano .

Tuttavia, il quadro diventa più complicato quando Napoleone Bonaparte prende il potere assoluto della Francia, dal momento che questo personaggio ha visto avverarsi il suo desiderio di potere e grandezza, nel suo tentativo di conquistare tutta l'Europa.

Quindi il conflitto inizialmente scatenato per ragioni politiche locali, divenne presto una lotta per fermare l'espansione della Francia imperiale sotto Napoleone Bonaparte.

  1. Conseguenze delle guerre napoleoniche

Le guerre napoleoniche hanno avuto importanti conseguenze in Europa, come:

  • Il sentimento repubblicano si diffuse . Nonostante la sconfitta di Napoleone e le sue regole rigide, i diversi re vittoriosi europei avevano difficoltà a ripristinare l'assolutismo, essendo in molti casi costretti ad adottare molte delle regole imposte dall'occupazione francese.
  • Affondamento della Francia in Europa . La nazione di Napoleone non era più una potenza in Europa come lo era stata in tempi prerevoluzionali.
  • Emersione del nazionalismo . Dopo le guerre napoleoniche, il paesaggio europeo sarebbe stato riconfigurato per quasi 100 anni, obbedendo meno ai limiti imposti dalle aristocrazie e più a termini nazionali: lingua, cultura, ideologia o origine nazionale.
  • Ascesa della Gran Bretagna Dopo la caduta della Francia, la Gran Bretagna divenne la potenza dominante in Europa, estendendo la sua egemonia su tutto il pianeta e conquistando colonie olandesi in America e in Africa che erano state invase dalla Francia.
  • Indipendenza americana ispanica . La rimozione di Ferdinando VII dal trono di Spagna da parte dei francesi, così come l'indebolimento militare della corona spagnola, servì come pretesto per le colonie ispaniche in America per iniziare le loro guerre di indipendenza. Nel 1825 la colonia spagnola in America avrebbe lasciato il posto a una serie disparata di repubbliche nascenti, ispirate agli ideali della rivoluzione francese e della rivoluzione americana, ad eccezione di Cuba e Puerto Rico.
  1. Coalizioni delle guerre napoleoniche

L'esercito napoleonico dovette ritirarsi dalla Russia sotto la fame e il freddo.

Il protagonista principale delle guerre napoleoniche fu la Francia di Napoleone Bonaparte, affrontata contro una serie di alleanze contro di lui, che erano:

  • La seconda coalizione . Formata da Gran Bretagna, Russia, Prussia e Austria, venne in sostituzione della Prima coalizione sconfitta dall'esercito rivoluzionario francese e fu sconfitta da Napoleone Bonaparte al suo ritorno da Africa.
  • La terza coalizione . Dopo la violazione della Pace di Amiens nel 1803, Bonaparte tentò di invadere la Gran Bretagna, ma fu sconfitto nella battaglia di Trafalgar. Così, nel 1805, un'alleanza contro di lui, composta da Gran Bretagna e Russia, emerse con la ferma intenzione di estendere la recente vittoria e liberare la Svizzera e i Paesi Bassi dall'invasione. n francese. L'Austria si unì nuovamente a questa alleanza, quando Napoleone fu incoronato re d'Italia dopo l'annessione di Genova. Questa coalizione fu sconfitta da Napoleone, il cui esercito ebbe un record imbattibile sulla terraferma.
  • La quarta coalizione . Mesi dopo il fallimento del Terzo, questa nuova alleanza si formò contro Napoleone, composta da Russia, Prussia e Sassonia. Tuttavia, la lontananza dell'esercito russo significò la caduta degli alleati tedeschi prima di Napoleone, che entrò a Berlino il 27 ottobre 1806, dopo aver vinto in le battaglie di Jena e Auerst dt.
  • La quinta coalizione . Questa nuova alleanza contro la Francia, che coinvolse la Gran Bretagna e l'Austria, emerse come un tentativo di cogliere il momento in cui la Spagna iniziò la sua guerra d'indipendenza dalla Francia, guidata dagli inglesi. Napoleone sconfisse la Spagna senza difficoltà, recuperando Madrid e gettando gli inglesi nella penisola iberica. Fu sorpreso dall'attacco austriaco, ottenendo comunque la vittoria definitiva sull'Austria nella battaglia di Wagram nel 1809. In seguito sposò la figlia dell'Imperatore d'Austria, e così l'Impero francese raggiunse, nel 1810, la sua massima estensione in Europa: i territori dell'attuale Svizzera, Germania, Polonia e Italia, e controllava anche Spagna, Prussia e Austria.
  • La sesta coalizione . Nel 1812 fu creata la penultima coalizione contro la Francia, composta da Gran Bretagna, Russia, Spagna, Prussia, Svezia, Austria e parte della Germania. Ciò avvenne dopo l'invasione della Russia di Napoleone, che entrò in territorio ostile e lasciò Mosca a settembre, con il suo esercito assediato dalla fame e dalla guerra totale da parte del Popolo russo Dopo questa schiacciante sconfitta, Napoleone perse anche la Spagna nel 1813 e l'alleanza contro di lui entrò a Parigi nel 1814, costringendolo all'esilio sull'isola di Elba.
  • La settima coalizione . L'ultima alleanza con la Francia fu stabilita nel 1815 ed era composta da Gran Bretagna, Russia, Prussia, Svezia, Austria, Paesi Bassi e alcuni stati tedeschi. Emerse per fermare il ritorno di Napoleone, che era atterrato a Cannes e aveva sconfitto la monarchia francese (di Luigi XVIII) recentemente ripristinata senza sparare un solo colpo. La fine dell'esercito napoleonico avvenne lo stesso anno, a giugno, nella battaglia di Waterloo.
  1. Fine delle guerre napoleoniche

Le guerre napoleoniche finirono nel 1815, dopo la battaglia di Waterloo e la sconfitta dell'esercito francese di recente formazione formato da Napoleone, al suo ritorno dall'isola d'Elba. L'ex imperatore francese fu deposto il 22 giugno e fu quindi bandito nella remota isola di Sant'Elena, nell'Atlantico meridionale. Così il periodo rivoluzionario francese culminò completamente.

  1. Personaggi delle guerre napoleoniche

Napoleone Bonaparte fu uno dei militari più importanti della storia.

I personaggi principali delle guerre napoleoniche furono:

  • Napoleone Bonaparte (1769-1821) . Uno dei più brillanti strateghi militari e militari della storia fu un generale repubblicano durante la Rivoluzione francese e il governo del Direttorio, che rovesciò all'inizio del diciannovesimo secolo, affermandosi come un Ulul vita nel 1802 e poi come imperatore dei francesi nel 1804. Fu anche incoronato re d'Italia più tardi e stava per conquistare tutta l'Europa militarmente. Dopo la sua sconfitta ed esilio a Sant'Elena nel 1815, morì nel 1821. I suoi resti furono rimpatriati nel 1840.
  • Athur Wellesley (1769-1852) . Era un militare e uno statista irlandesi, noto soprattutto per il suo titolo di duca di Wellington. Uno dei più grandi generali britannici durante le guerre napoleoniche, organizzatore della resistenza in Portogallo e Spagna contro l'occupazione francese, fu anche comandante dell'esercito britannico nico e primo ministro del Regno Unito due volte.
  • Horatio Nelson (1758-1805) . Il duca di Bront e il visconte di Nelson, fu vice-ammiraglio della Royal Navy britannica, responsabile di numerose vittorie nelle guerre napoleoniche e artificio della battaglia di Trafalgar, dove la marina francese fu distrutta da Gli inglesi. In quella battaglia perse la vita, tuttavia, a causa di un colpo di un tiratore francese, a bordo della HMS Victory.
  • Alessandro I di Russia (1777-1825) . Lo zar dell'Impero russo tra il 1801 e il 1825, nonché re di Polonia tra il 1815 e il 1825, era figlio dello zar Paolo I e nipote di Caterina la Grande. Era un monarca di intenzioni riformiste, preoccupato per la corruzione e la legislazione, ma il suo autoritarismo gli impediva di avere fiducia nei suoi sudditi. Inizialmente si autoproclamò ammiratore di Napoleone Bonaparte e delle istituzioni francesi, ma le pressioni politiche gli impedirono di mantenere tali inclinazioni.

Continua con: Le tredici colonie


Articoli Interessanti

risparmio

risparmio

Spieghiamo cosa sono i risparmi e quali tipi di risparmi esistono. Inoltre, perché è importante e quali sono le sue differenze con l'investimento. Si riferisce alla percentuale di reddito o reddito non destinata al consumo. Cosa sta salvando? Ha salvato la pratica di separare una parte del reddito mensile di una famiglia, un'organizzazione o un individuo , al fine di accumularlo nel tempo e quindi allocarlo ad altri.

tragedia

tragedia

Vi spieghiamo cos'è una tragedia e quale è stata l'origine di questa forma letteraria. Inoltre, alcuni esempi e qual è la tragedia greca. La tragedia di solito porta alla morte, alla follia o all'esilio del protagonista. Qual è la tragedia? La tragedia è chiamata forma letteraria (drammatica) e teatrale coltivata fin dai tempi antichi , in cui situazioni di conflitto in cui un personaggio è rappresentato con un tono solenne o una serie di essi, di solito di tipo illustre o eroico, sono affrontati a causa di un errore fatale o delle forme del loro personaggio verso un destino irrimed

mescolare

mescolare

Spieghiamo cos'è una miscela e quali sono i risultati che possono essere ottenuti. Inoltre, i suoi componenti e tipi di miscelazione. Una miscela può essere formata da qualsiasi tipo di elemento. Cos'è una miscela? Una miscela è un composto di altri due materiali che sono legati ma non combinati chimicamente. In

Circuito parallelo

Circuito parallelo

Spieghiamo cos'è un circuito parallelo e le formule che utilizza. Inoltre, alcuni esempi e cos'è un circuito in serie. I circuiti paralleli sono utilizzati nella rete elettrica di tutte le case. Che cos'è un circuito parallelo? Quando parliamo di un circuito parallelo o di una connessione parallela , intendiamo una connessione di dispositivi elettrici (come bobine, generatori, resistori, condensatori, ecc.).

Settore terziario

Settore terziario

Spieghiamo cos'è il settore terziario, le sue principali aree ed esempi. Inoltre, in cosa consistono i settori primario, secondario e quaternario. Il settore terziario fornisce supporto specializzato a consumatori o aziende. Quale settore terziario? Si chiama settore terziario o settore dei servizi della catena economica che, a differenza dei due precedenti, non si occupa dell'estrazione di materie prime o la sua trasformazione in beni di consumo, ma per la soddisfazione delle esigenze operative e commerciali o di qualsiasi altra natura richiesta sia dai consumatori finali che da altre

antropologa

antropologa

Ti spieghiamo cos'è l'antropologia e come nasce questa scienza. Inoltre, riassunto della sua storia e dei rami dell'attuale antropologia. L'antropologia si concentra sullo studio dell'uomo. Che cos'è l'antropologia? L'antropologia è una scienza sociale, che si concentra sullo studio dell'uomo nella sua forma integrale, un'altra definizione si riferisce allo studio dell'essere umano nelle sue diverse forme storiche. I