• Friday July 1,2022

istologia

Spieghiamo cos'è l'istologia e gli argomenti studiati da questa disciplina. Inoltre, istologia vegetale, animale e importanza.

L'istologia è anche chiamata anatomia microscopica o micro anatomia a .
  1. Cos'è l'istologia?

L'istologia è una disciplina che fa parte della biologia ed esamina i tessuti degli organismi attraverso un microscopio per conoscerne la struttura e le funzioni. È anche indicato come anatomia microscopica o micro anatom a La parola istologia deriva dal greco, histo che significa "tessuto" e logos, che significa "conoscenza".

Marcello Malpighi, anatomista e biologo italiano, è considerato il fondatore dell'istologia per essere stato il primo a esaminare le cellule viventi al microscopio all'inizio del XVII secolo. Malpighi fu colui che scoprì l'esistenza di piccole unità all'interno dei tessuti, chiamate cellule.

Vedi anche: Organismi multicellulari.

  1. Cosa studia l'istologia?

L'istopatologia serve a conoscere meglio le possibili cause di una malattia.

L'istologia studia la struttura microscopica dei tessuti, ovvero cluster complessi di cellule organizzate per svolgere una determinata funzione. L'essere umano, ad esempio, proviene dalla fusione di due cellule: un ovulo e uno sperma. Entrambe le cellule, a loro volta, si dividono ripetutamente per formare nuove cellule che compongono i diversi tessuti, organi e sistemi del corpo umano. Gli esami istologici ci consentono di sapere come sono organizzati, correlati e funzionanti i vari componenti dell'organismo.

Gli esami istologici forniscono importanti contributi a:

  • Istopatologia. È la parte dell'istologia che esamina i campioni di tessuto prelevati da un organismo malato per saperne di più sulle possibili cause della malattia e fornire una diagnosi più accurata.
  • Indagini forensi e autopsie. L'analisi dei tessuti biologici, attraverso tecniche speciali, può chiarire le cause di decessi inattesi e fornire prove scientifiche disponibili alla giustizia.
  • Archeologia. Esaminando le cellule e i tessuti biologici trovati nei resti recuperati dalle società antiche, è possibile ottenere informazioni sulla loro storia.
  • Istruzione. Le tecniche di istologia di base vengono insegnate in seminari di laboratorio per introdurre gli studenti al concetto di microstrutture dei diversi organismi.

Dalla biologia generale si riconosce l'esistenza di due gruppi di organismi: piante vascolari (del regno plantae) e animali (del regno animale). Da quella distinzione, l'istologia è suddivisa in istologia vegetale e istologia animale per classificare i diversi tessuti.

  1. Istologia vegetale

I tessuti adulti sono composti da cellule più grandi dell'embrione.

L'istologia vegetale è lo studio specifico dei tessuti vegetali classificati in due tipi:

  • Tessuti meristematici o embrionali. Sono costituiti da piccole cellule che hanno una grande capacità di moltiplicarsi.
  • Tessuti adulti. Sono quelli permanenti o di durata nella pianta e sono composti da cellule più grandi di quelle embrionali. Questi, a loro volta, possono essere:
    • Tessuti parenchimali. Sono costituiti da cellule responsabili della nutrizione e dell'accumulo di riserve.
    • Tessuti per la protezione della superficie. Sono costituiti da cellule che ricoprono la pianta e la isolano dall'ambiente esterno.
    • Tessuti di supporto o colquenchimi. Sono composti da cellule dalle pareti spesse e allungate che conferiscono rigidità alla pianta.
    • Tessuti conduttivi o vascolari. Sono formati da cellule cilindriche che si uniscono e formano tubi o condotti, dove circolano i nutrienti.
    • Tessuti secretori ed escretori. Sono formati da cellule che secernono sostanze dalla pianta, come la resina dei pini.
  1. Istologia animale

I tessuti connettivi contengono un materiale viscoso che separa le cellule l'una dall'altra.

L'istologia animale studia i tessuti organici degli animali che, a differenza del regno vegetale, hanno cellule che formano organismi molto diversi in termini di forma e funzione. I tessuti animali sono classificati in quattro tipi:

  • Tessuti epiteliali. Costituiscono diversi strati di cellule unite tra loro che formano una membrana cellulare che copre tutte le superfici dell'organismo (come l'epidermide, le vie digestive e respiratorie) e le cavità interne (come arterie, vene e capillari).
  • Tessuti connettivi o connettivi. Contengono le cellule in modo vario insieme a un materiale viscoso che le separa le une dalle altre, chiamato "sostanza intercellulare", che consente di unire gli altri tessuti per fornire supporto e integrazione, ad esempio per tessuto adiposo, cartilagineo, ossa e sangue .
  • Tessuti muscolari. Sono formati da cellule allungate chiamate "fibre muscolari", che contengono miofibrille in grado di contrarsi e dare elasticità ai muscoli. In base alla forma e al tipo di contrazione, i muscoli sono classificati come scheletrici, cardiaci e lisci.
  • Tessuti nervosi. Sono composti da cellule chiamate "neuroni" che stabiliscono un sistema di connessione complesso e hanno la capacità di rigenerarsi molto lentamente. Funzionano come recettori di stimolo (neuroni sensoriali) a quelli che rispondono con impulsi nervosi (motoneuroni) che si propagano successivamente ad altri neuroni (neuroni di associazione).
  1. Importanza dell'istologia

Lo studio dell'istologia consente di conoscere la struttura e la funzione degli organi attraverso l'esame microscopico delle cellule che li compongono. I risultati degli studi istologici sono fondamentali per la medicina e la biologia, sia per conoscere le proprietà del corpo in condizioni normali sia per esaminare la presenza di patologie, la loro evoluzione e la loro possibile diagnosi.


Articoli Interessanti

Movimenti letterari

Movimenti letterari

Vi spieghiamo quali sono i movimenti letterari, come sono classificati, le loro caratteristiche principali e vari esempi. Gli scrittori Goethe e Schiller appartenevano al romantico movimento letterario. Cosa sono i movimenti letterari? Proprio come esistono movimenti artistici in generale, i movimenti letterari sono le diverse tendenze storiche ed estetiche che compongono la storia della letteratura

discorso

discorso

Spieghiamo cos'è un discorso e le discipline che studiano il discorso. Inoltre, i quattro tipi di discorso e le loro funzioni. Un discorso è il modo in cui un mittente crea un messaggio. Che cos'è il discorso? Il concetto di discorso è molto ampio e può riferirsi a diverse questioni. In generale, la parola è ciò che diciamo, cioè il termine è associato alla trasmissione di un messaggio attraverso le parole . Questo

programmazione

programmazione

Spieghiamo cos'è la programmazione e alcuni esempi di questo termine. Inoltre, qual è la programmazione in informatica. Organizzare un viaggio intorno al mondo è un buon esempio di programmazione Cos'è la programmazione? La programmazione fa riferimento all'effetto della programmazione, cioè all'organizzazione di una sequenza di passaggi ordinati da seguire per fare una determinata cosa . Que

demografo

demografo

Spieghiamo cos'è la demografia, come è classificata, la sua importanza e altre caratteristiche. Inoltre, quali sono i dati demografici. La demografia analizza vari aspetti delle popolazioni umane. Cos'è la demografia? La demografia è la scienza che studia statisticamente le popolazioni umane , cioè sulla base di dati numerici e calcoli che consentono di analizzare vari aspetti come dimensioni, densità, la distribuzione e i tassi di vitalità di una popolazione. Le st

opere d'arte

opere d'arte

Vi spieghiamo cos'è l'Illuminismo, il movimento culturale e politico del 18 ° secolo e quali sono le sue caratteristiche. Personaggi in primo piano Questa volta è anche chiamata l'Età dell'Illuminismo. Qual è l'illustrazione? L'Illuminismo è un movimento culturale e politico noto per aver portato idee brillanti nella società oscura del passato . Le id

byte

byte

Spieghiamo cos'è un byte, l'origine del termine e a cosa serve. Inoltre, alcune caratteristiche e la loro scala di misure. Un byte ha bisogno di 8 bit per rappresentare una lettera nel codice binario. Che cos'è un byte? È noto come l'unità base di informazioni utilizzate nell'informatica e nelle telecomunicazioni, equivalente a un insieme ordinato e regolare di bit (codice binario), generalmente stipulato in 8. Ci