• Wednesday December 8,2021

piante

Spieghiamo tutto sulle piante, la loro classificazione, parti, riproduzione e altre caratteristiche. Inoltre, cos'è la fotosintesi?

Le piante sono indispensabili per lo sviluppo della vita in tutto il pianeta.
  1. Quali sono le piante?

Le piante sono esseri viventi che sono membri del regno vegetale o phylum plantae . Questi sono organismi autotrofi, privi di capacità di movimento e composti principalmente da cellulosa. Alberi, erbe infestanti, erba, alghe e cespugli sono tutti membri di questo regno della vita.

Ciò che conosciamo oggi come piante discendono dalle prime alghe eucariotiche e fotosintetiche apparse sulla Terra circa 1500 milioni di anni fa : Primoplantae ( Archaeplastida ), il prodotto della simbiosi tra un protozoo eucariotico e un cianobatteri.

Da questa collaborazione sempre più stretta , sono emersi il primo cloroplasto e la possibilità della fotosintesi come processo energetico. Fu così che queste alghe primitive conquistarono il mare e poi colonizzarono la terra, dove l'evoluzione li rese felci, arbusti, alberi e altre forme vegetali che oggi Lo conosciamo.

Pertanto, sebbene abbiano origine nell'acqua, esistono specie vegetali praticamente in tutti gli habitat del mondo, purché ci sia acqua e luce solare. Anche nei deserti caldi (come il Sahara) e nei deserti ghiacciati (come l'Antartide), si possono trovare specie vegetali adattate a condizioni climatiche avverse.

Vedi anche: cellula vegetale

  1. Caratteristiche generali delle piante

Tre caratteristiche comuni e fondamentali caratterizzano le piante, condivise da tutte le specie del regno senza distinzioni:

  • Nutrizione autonoma, il che significa che generano il proprio cibo dalla materia inorganica (acqua e sostanze dal suolo e dall'aria) e dalla luce solare (radiazione ultravioletta). Questo complesso processo di produzione di carboidrati è noto come fotosintesi.
  • Assenza di locomozione, cioè sono esseri incapaci di muoversi a volontà (al contrario degli animali). Alcuni cambiano habitat in balia delle acque (alghe e altre piante acquatiche).
  • Le cellule dotate di una parete cellulare, cioè che le loro cellule hanno una rigida struttura di cellulosa che copre la loro membrana plasmatica, dando loro durezza, resistenza, ma rallentando e rallentando il processo di crescita.
  1. Tipi di piante

Gli alberi sono piante legnose, mentre il muschio è una pianta non vascolare.

In generale, è possibile differenziare le piante in due grandi gruppi: 1) alghe verdi e 2) piante terrestri . Il primo gruppo è molto più antico dell'altro evoluzionalmente, e per questo motivo alcuni studiosi li includono in altri regni della vita; ma quando eseguono la fotosintesi, agiscono fondamentalmente come piante.

Le piante terrestri, allo stesso tempo, rientrano in due diverse categorie:

Piante terrestri vascolari . Conosciute come "piante superiori", hanno una struttura corporea completa: steli, radici, foglie e meccanismi di trasporto interno (meccanismi vascolari) che comunicano i loro organi e percorrono la distanza dei loro steli. Allo stesso tempo, i piani superiori sono suddivisi in:

  • Pteridofitas. Piante senza semi superiori, comunemente note come felci. Hanno foglie lunghe e arricciate note come fronde e possono crescere fino a dimensioni considerevoli.
  • Espermatofitas. Piante superiori con semi, dopo felci nell'albero evolutivo. Questo gruppo è composto da angiosperme (piante colorate di fiori e molto polline) e ginnosperme (piante legnose) ed è il gruppo predominante sul pianeta.

Piante terrestri non vascolari . Le piante che non hanno strutture vascolari interne, quindi non hanno una chiara divisione tra stelo, radice e foglie, né raggiungono molte dimensioni. Sono un gruppo a metà strada tra felci e alghe, ad esempio i briofite, comunemente noto come muschio.

  1. Parti di una pianta

In ogni specie le parti della pianta possono o meno essere presenti.

A seconda del tipo di pianta, può avere una o altre strutture. Ma in generale, le piante sono composte da:

  • Raz. L'organo fondamentale di tutti i tipi di piante, che viene utilizzato per assorbire acqua e sostanze nutritive dall'ambiente in cui si trovano, è liquido o liquido. Generalmente le radici di solito non vedono la luce e crescono in modo rizomatico, cioè disordinato. Nelle loro strutture, inoltre, vengono solitamente immagazzinati nutrienti e sostanze di emergenza.
  • Stem . Gli steli sono estensioni delle piante della pianta, che crescono nella direzione opposta della radice e generalmente hanno un sistema di vasi conduttivi per trasportare la linfa e i nutrienti agli altri organi, come le foglie . Inoltre, lo stelo fornisce supporto strutturale all'organismo, perché da esso sono nati, nel caso degli alberi (non ci sono più chiamati steli ma tronchi), i rami, che non sono più che rami secondari del gambo.
  • Foglie Organi di diverse forme (rotondi, allungati), colore (tra verde e rosso) e trama in cui viene eseguita la fotosintesi. Nascono dallo stelo o dai rami e, a seconda delle specie vegetali, possono seccarsi e cadere prima dell'arrivo del freddo (autunno) per ridurre la perdita di acqua dall'albero, oppure no .
  • Fiori Questi sono gli organi riproduttivi delle piante, da cui vengono quindi generati i frutti e i semi. Sono generalmente composti da stami (organi sessuali maschili) e pistilli (organi sessuali femminili), sebbene esistano piante di un singolo sesso definito. E anche le piante non fioriscono mai, poiché la loro riproduzione avviene in un altro modo. I fiori hanno odori e colori attraenti, la cui funzione è quella di attrarre animali (come api o alcuni uccelli), per servire da trasporto di polline da un fiore all'altro, permettendo così l'inseminazione e lo scambio genico Etico tra le piante.
  • Semi. Una volta fecondati i fiori, le piante producono semi, che sono embrioni pronti a produrre un nuovo individuo. A volte questi semi vengono prodotti senza la necessità di fiori e fertilizzazione, tutto dipende dalla specie. Allo stesso modo, alcuni semi sono ricoperti di carne carnosa nota come frutta, mentre altri semplicemente cadono nell'ambiente o lo fanno avvolti in diverse forme di protezione e trasporto.
  • Frutos. Rivestimenti carnosi o asciutti dei semi di una pianta, generalmente nutrienti, garantendo così all'embrione il nutrimento fertile per la germinazione quando cade o, al contrario, aiutandolo allontanarsi dall'ombra del genitore, essere mangiato e poi defecato da alcuni animali.
  1. Importanza delle piante

Le piante sono indispensabili per la vita del pianeta come la conosciamo, poiché sono responsabili dell'ossigenazione dell'atmosfera, senza la quale gli organismi che respiriamo ci soffoceranno.

Inoltre, sono il primo anello delle catene di traffico terrestri e marine (organismi produttori), poiché si nutrono di materia inorganica e fonte di energia (luce solare), dando così da mangiare agli erbivori o ai consumatori primari.

D'altra parte, le piante fissano il carbonio dell'atmosfera nei loro organismi, poiché consumano CO 2 atmosferica, che se accumulata aumenterà l'effetto serra e la temperatura globale perché bloccano il irradiare calore dal pianeta. Visto in questo modo, le piante sono il meccanismo di raffreddamento del pianeta .

  1. Fotosintesi delle piante

Le piante producono zuccheri o amidi propri, cioè i propri carboidrati necessari per crescere e mantenere, dalla trasformazione della materia inorganica. Questa è la sua principale attività metabolica e prende il nome dalla fotosintesi.

Consiste nel prelevare anidride carbonica (CO 2 ) dall'aria, dall'acqua del suolo o da altri mezzi fisici e dai fotoni dalla radiazione ultravioletta della luce solare, in modo da attivare una reazione chimica che genera carboidrati e sottoprodotti dell'ossigeno, espulso nuovamente nell'atmosfera.

Ogni anno, le piante convertono circa 100.000 milioni di tonnellate di carbonio attraverso la fotosintesi, restituendo l'ossigeno che gli esseri viventi richiedono per respirare nell'aria.

Altro in: Sintesi fotografica

  1. Riproduzione di piante

Sebbene abbiano semi, le fragole di solito si riproducono dagli stoloni.

Le piante si riproducono sia sessualmente che asessualmente, ma i loro esatti meccanismi dipendono generalmente dalla specie.

Riproduzione sessuale Si verifica nelle specie che hanno fioritura, poiché nei fiori sono gli organi sessuali. Alcune piante sono ermafrodite (hanno entrambi i sessi) mentre altre hanno un sesso definito.

In entrambi i casi è necessaria l'impollinazione: lo scambio di granuli di polline da organi maschili a femminili (dalla stessa pianta o da una diversa) per fertilizzare le cellule all'interno del pistillo. Questa inseminazione può verificarsi a causa del vento o di animali che si nutrono di fiori, come le api.

Successivamente si forma un seme (un uovo fecondato) e attorno ad esso un frutto di qualche tipo, che contiene l'embrione pronto per la germinazione di un nuovo individuo, quando le condizioni esterne sono favorevoli.

Riproduzione asessuale Questa modalità di riproduzione non richiede fiori o impollinazione, ma utilizza invece altre parti della pianta. Questi meccanismi mancano di variabilità genetica e producono individui clinici, piuttosto che individui originali. Esistono varie modalità asessuali di riproduzione delle piante, come:

  • Stoloni. La pianta produce steli orizzontali, alla fine dei quali emerge una nuova pianta, collegati al genitore come da un cordone ombelicale. Entrando in contatto con il suolo, la nuova pianta forma le proprie radici e inizia a rompere lo stolone per ottenere la sua autonomia.
  • Rizomi. Queste sono le radici sotterranee che il genitore crea e che si allontanano da lui fino a quando non consente un nuovo focolaio, mantenendo comunque tutti gli individui collegati, come una colonia. Ciò rende difficile distinguere tra la prima generazione di individui e la seconda.
  • Tuberi . Un altro tipo di steli sotterranei generati dal genitore, a volte attraverso i semi, e poi addensati, immagazzinando sostanze nutritive, fino a germinare nuovi individui che poi spuntano dalla terra.
  1. Stratificazione delle piante

La stratificazione consente a diverse specie di coesistere a diverse altezze.

Nell'ambiente in cui proliferano varie specie di piante, esiste un'organizzazione di "piante" che sono note come strati di piante. Ciò consente alle piante di essere distribuite in diversi ecosistemi all'interno dello stesso ambiente, consentendo a alberi, arbusti ed erbe di coesistere senza competere ferocemente.

Il primo strato è il più vicino al suolo, dove erbe e erbe crescono a bassa altezza. Sopra, i cespugli si trovano nel secondo strato, già dotati di un gambo solido e sospesi sopra il suolo. Sopra di loro è il terzo strato, composto da alberi che si spostano di diversi metri dal suolo.

  1. Problemi ambientali

Le piante affrontano spesso vari problemi ambientali causati dall'uomo. Ad esempio, la monocoltura impoverisce i suoli, l'inquinamento di questi ultimi con pesanti elementi chimici, incendi boschivi o deforestazione a fini industriali (per ottenere legno, carta o terreni coltivabili).

Questi sono alcuni degli inconvenienti che il nostro stile di vita li provoca quotidianamente, causando spesso danni irreparabili alla comunità vegetale o danni che richiederanno molti anni per ripararsi, molti più dei pochi momenti necessari per causarli.

Follow in: problemi ambientali


Articoli Interessanti

Punto di ebollizione

Punto di ebollizione

Spieghiamo qual è il punto di ebollizione e come viene calcolato. Esempi di punti di ebollizione. Punto di fusione e congelamento. A una pressione normale, il punto di ebollizione dell'acqua è di 100 ° C. Qual è il punto di ebollizione? Il punto di ebollizione è la temperatura alla quale la pressione di vapore di un liquido raggiunge quella del mezzo in cui si trova, o in altre parole, la temperatura alla quale un liquido Il liquido lascia il suo stato ed entra nello stato gassoso (vapore). Que

Birds of Prey

Birds of Prey

Spieghiamo quali sono i rapaci, la loro classificazione, le caratteristiche e l'alimentazione. Inoltre, il suo rapporto con l'uomo e gli esempi. I rapaci, come il falco sacro, cacciano animali. Cosa sono i rapaci? Gli uccelli predatori, chiamati anche uccelli rapaci o uccelli rapaci, sono uccelli predatori , cioè cacciano e si nutrono di altri animali.

marxismo

marxismo

Ti spieghiamo cos'è il marxismo e cosa implica questa dottrina. Altri concetti come alienazione, lotta di classe, plusvalore. Il marxismo ha come postulato di base lo scioglimento della società capitalista. Che cos'è il marxismo? Il marxismo è stata la dottrina che ha influenzato il grande sistema politico-economico e ideologico con cui il capitalismo ha dovuto combattere durante il diciannovesimo secolo, ma soprattutto durante il ventesimo secolo: il comunismo. Me

WTO

WTO

Spieghiamo cos'è l'OMC, la storia di questa organizzazione mondiale e i suoi obiettivi. Inoltre, le sue diverse funzioni e paesi che lo integrano. L'OMC monitora le regole commerciali regolate dalle nazioni del mondo. Cos'è l'OMC? L'OMC sta per Organizzazione mondiale del commercio, un'organizzazione internazionale senza collegamenti con il sistema delle Nazioni Unite (ONU) o bretoni (come la Banca mondiale o il Fondo monetario internazionale), dedicato alla supervisione delle norme internazionali in base alle quali è regolato il commercio tra le nazioni del mondo, f

Ciclo di Calvin

Ciclo di Calvin

Spieghiamo cos'è il ciclo Calvin, le sue fasi, la sua funzione e i suoi prodotti. Inoltre, la sua importanza per gli organismi autotrofi. Il ciclo di Calvino è la "fase oscura" della fotosintesi. Cos'è il ciclo di Calvin? È noto come il ciclo di Calvin, il ciclo di Calvin-Benson o il ciclo di fissazione del carbonio nella fotosintesi, a una serie di processi biochimici che si svolgono negli stomi dei cloroplasti di piante e altri organismi autotrofi la cui nutrizione viene effettuata attraverso la fotosintesi. Le

contratto

contratto

Spieghiamo cos'è un contratto e i tipi di contratto che possono essere stipulati. Inoltre, le sue parti e la loro differenza con un accordo. Un contratto è un patto di obblighi e diritti tra due persone fisiche o giuridiche. Che cos'è un contratto? Un documento legale che esprime un accordo comune tra due o altre persone qualificate (note come le parti del contratto), che sono vincolate ai sensi del presente documento a un determinati scopi o cose, il cui adempimento deve essere sempre bilaterale, o altrimenti il ​​contratto sarà considerato rotto e non valido. In alt